Tg Psicologia, edizione del 7 maggio 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

– PSICHIATRA: PIÙ ALCOL E STRESS, SECONDA ONDATA COLPISCE GIOVANI E DONNE

“Nella seconda ondata abbiamo visto un aumento dei disturbi post traumatici da stress. C’è una maggior incidenza di disturbi tra gli adolescenti, con un aumento preoccupante di tentati suicidi e autolesionismo tra ragazzi già gravi e una forte crescita dell’abuso alcolico nella popolazione giovanile generale”. A descrivere le diverse caratteristiche del disagio psicologico causato dalla prima e dalla seconda ondata della pandemia è Stefania Calapai, psichiatra e presidente di Angelo Azzurro Onlus.

– AUTISMO, DOPO 40 ANNI IDO RILANCIA IL PROGETTO ‘LIBRO DELLE FIABE’ DI VIZZIELLO

Come sono visti i bambini con disturbi dello spettro autistico dai propri coetanei? La neuropsichiatra infantile Graziella Fava Vizziello se lo è chiesto più di quarant’anni fa quando, tra le prime in Italia, ha promosso un progetto di inclusione tra bambini normotipici e bambini autistici. “Per farlo abbiamo scelto la strada della fantasia- racconta- ossia abbiamo chiesto a ogni alunno di scrivere due storie, una dove ci fosse il proprio compagno di classe preferito e un’altra dove fosse inserito il compagno autistico. La prima- spiega- ci serviva per capire il livello e le modalità di pensiero del bambino e l’altra per comprendere come venisse vissuto il ragazzino autistico”. Da questo progetto è nato il libro ‘Il bambino che regalò un arcobaleno. Fiabe per un compagno con autismo’, e oggi l’IdO vuole rilanciarlo, come annunciato da Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie.

– SINDROME DOWN, AIPD: 60% SONO ADULTI, DARE DIRITTO DI PAROLA AL SESSO

“Bisogna dare diritto di parola al sesso, ossia bisogna creare dei contesti in cui i ragazzi sappiano che se ne può parlare. È una cosa seria che appartiene alla nostra vita”. Parte da qui Anna Contardi, coordinatrice nazionale dell’Aipd e vice presidente dell’Edsa per parlare di affettività e sessualità nelle persone con trisomia 21. “Sono argomenti a cui si sta cominciando a dare spazio negli ultimi anni- spiega- perché sono venuti fuori con l’allungamento dell’aspettativa di vita. Oggi in Italia il 60% delle persone Down è adulta ed è ovvio che con il diventare grandi vengano fuori anche tutti i bisogni dell’età”.

– SALUTE MENTALE, PSICOANALISTA: TERAPIA GRUPPO POCO USATA NEI SERVIZI MA FUNZIONA

Il gruppo di terapia “è una metodologia efficace per molti pazienti ma, allo stesso tempo, poco utilizzata nella pratica sia dagli psicoanalisti che dagli operatori negli ospedali psichiatrici e nei Centri di salute mentale. Ritengo che una delle ragioni sia il fatto che non è immediatamente chiaro quali siano gli effetti terapeutici del gruppo e come questo curi”. Claudio Neri, psichiatra, psicoanalista e professore presso le scuole di specializzazione in Psicologia clinica della Sapienza Università di Roma, ha da poco pubblicato il libro ‘Il gruppo come cura’ proprio per colmare questo gap formativo e informativo negli operatori della Salute mentale.

– DIPENDENZE. RAFFAELE: SE MI GUARDO INDIETRO SENTO DI AVER PERSO UN SACCO DI TEMPO

“Oggi vivo a Roma, sono un sommelier professionista, lavoro con l’alcol anche se sembra un paradosso. Se mi guardo indietro mi sento di aver perso un sacco di tempo”. Raffaele racconta così la sua vita di oggi, raggiunta con fatica dopo un lungo percorso, durato cinque anni, di riabilitazione dalla tossicodipendenza a San Patrignano.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»