Morto in un incidente sul Gra il testimone dell’omicidio di Luca Sacchi

simone piromalli foto da facebook
È morto in un incidente in moto Simone Piromalli, 21 anni, considerato uno dei testimoni chiave nel processo per l'omicidio del personal trainer romano Luca Sacchi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Simone Piromalli, uno dei testimone chiave nel processo per la morte di Luca Sacchi, è una delle due vittime del grave incidente stradale che si è verificato ieri pomeriggio sul Grande Raccordo Anulare di Roma. Lo schianto ha coinvolto un carro attrezzi ed una moto. L’incidente è avvenuto in carreggiata interna, all’altezza del chilometro 27,300, tra l’uscita Nomentana e Centrale del Latte. Secondo quanto si apprende, la moto su cui viaggiavano i due giovani si sarebbe scontrata con un carroattrezzi a ridosso della corsia d’emergenza. Sul posto sono intervenute le squadre Anas, il personale del 118 e la Polizia Stradale. Piromalli, 21 anni, è deceduto insieme a Giorgia Albano.

Il ragazzo era considerato uno dei testimoni chiave nel processo per l’omicidio del personal trainer romano Luca Sacchi, ucciso con un colpo di pistola alla testa nella notte tra il 23 e il 24 ottobre 2019 nella zona di Colli Albani a Roma, durante un presunto scambio droga.

LEGGI ANCHE: Omicidio Sacchi, Anastasiya risponde ai genitori di Luca: “Nessuna storia con Princi”

VIDEO | Processo Sacchi, i genitori: “Luca sapeva, ma voleva proteggere Anastasiya”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»