Tg Politico Parlamentare, edizione del 7 maggio 2020

I titoli e il tg politico parlamentare della Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TENSIONI NEL GOVERNO, ZINGARETTI MINACCIA IL VOTO

Sono tre i fronti che continuano ad agitare il governo. Le dimissioni minacciate dalla ministra renziana, Teresa Bellanova, che chiede una sanatoria per i migranti. Il caos nella giustizia con le scarcerazioni dei boss mafiosi e le accuse al ministro Bonafede. Il decreto economico di maggio, per sostenere famiglie e imprese colpite dal coronavirus, ancora in cantiere. Nicola Zingaretti prova a stoppare le polemiche: “Basta con la politica degli sgambetti, se il governo non ce la fa si va al voto, non nascerà un’altra maggioranza”, ha detto il segretario del Pd.

FIRMATO IL PROTOCOLLO, MESSE DAL 18 MAGGIO

Messe aperte ai fedeli dal 18 maggio. Lo stabilisce un protocollo firmato dal premier Giuseppe Conte con il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e il presidente Cei Gualtiero Bassetti. Per la fase 2 sono previsti accessi contingentati. Per distribuire la comunione il celebrante dovrà igienizzare le mani e indossare guanti e mascherina senza venire a contatto con le mani dei fedeli. Non potranno entrare in chiesa coloro che hanno una temperatura corporea pari o superiore a 37,5°. In ogni caso bisognerà evitare ogni forma di assembramento.

FASE 2, FICO: MI FIDO DEGLI ITALIANI

I dati della curva del contagio sono in netto miglioramento, significa “che gli italiani si sono comportati bene, hanno sentito forte il senso di comunità”. Per Roberto Fico la fase 2 si sta aprendo all’insegna della fiducia: “Sono ottimista e fiducioso perchè mi fido degli italiani”, ha sottolineato in un’intervista il presidente della Camera. Quanto alla politica, “è importante un dialogo tra maggioranza e opposizione” ma – ha precisato – la “coesione nazionale non è un governo di unità nazionale”, ogni partito mantiene il suo ruolo.

SNAM, UTILI PRIMO TRIMESTRE IN CRESCITA

Risultati superiori alle attese per Snam nel primo trimestre. Volano gli utili che sfioranO i 300 milioni di euro facendo segnare un 5,3% in più rispetto allo scorso anno. L’amministratore delegato Marco Alverà non è però in grado di prevedere nei prossimi mesi gli impatti del covid sulla società che gestisce il metano, anche se finora il mercato ha retto bene. La domanda di gas naturale in Italia infatti è scesa del 6 per cento, tutto sommato una perdita contenuta. Per sostenere la lotta al virus la Fondazione Snam ha deciso di donare 20 milioni di euro a sostegno del sistema sanitario e del terzo settore.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»