Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Pil, l’Ue lancia l’allarme deficit e taglia le stime di crescita per l’Italia

"L'economia italiana è scivolata in una lieve contrazione nella seconda metà dello scorso anno"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Commissione europea taglia ancora le stime di pil per l’Italia.

Nel pacchetto di primavera, secondo le previsioni di Bruxelles, il pil italiano crescerà dello 0,1% nel 2019 e nel 2020 dello 0,7%, restando all’ultimo posto della classifica europea della crescita. A febbraio scorso la Commissione aveva previsto un +0,2% per il 2019 e +0,8% nel 2020.

L’Ue lancia l’allarme anche sul deficit che sale a 2,5% nel 2019 e 3,5% nel 2020 (stima che non comprende l’aumento dell’Iva). Il debito vola a 133,7% quest’anno e al 135,2% il prossimo.

“L’economia italiana è scivolata in una lieve contrazione nella seconda metà dello scorso anno”. La moderata crescita economica dovrebbe “influenzare le finanze pubbliche con il disavanzo pubblico e il debito che dovrebbero aumentare notevolmente rispetto alle previsioni orizzonte. L’inflazione dei prezzi al consumo dovrebbe decelerare quest’anno e riprendere moderatamente nel 2020”, si legge nel rapporto della Commissione.

PIL. DATI UE, LANDINI: BASTA RACCONTARE BALLE, SITUAZIONE DIFFICILE

“I dati Ue confermano la necessitá di un cambiamento radicale delle politiche economiche e sociali. Non è che bisogna cambiare perché ce lo chiede l’Europa, ma perché le cose effettivamente non vanno”. Così il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, commenta le previsioni economiche di Bruxelles, a margine dell’iniziativa di Cgil, Cisl e Uil su Europa, cultura e lavoro, a Matera.

Le previsioni Ue, continua, “sono anche la conferma che le manovre fatte in precedenza erano recessive e non rispondono alla crisi, per questo diventa importante il voto delle europee per il cambiamento. È inutile che raccontino balle, la situazione è difficile”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»