Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Palermo, cittadinanza onoraria al regista Ferzan Ozpetek

"Simbolo dell'uomo contemporaneo, persona migrante, persona senza frontiere, persona del Mediterraneo, persona libera dentro e fuori"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, conferirà oggi, a Palazzo Steri, la cittadinanza onoraria della città al regista e sceneggiatore Ferzan Ozpetek. Orlando ha già avuto modo di ringraziare Ozpetek “per la sensibilità e l’attenzione ai più fragili, per aver saputo raccontare con delicatezza e passione storie di grande umanità e per aver scelto il sud d’Italia e Palermo come luogo in cui ambientare il suo prossimo film, segno di attenzione e condivisione per il nostro impegno per i diritti di tutti e di tutte”.

Nelle motivazioni della cittadinanza si legge: “Per avere raccontato attraverso le sue produzioni cinematografiche e i suoi scritti, l’amore, indagando in profondità nell’interiorità di un’umanità meravigliosa, variegata ed estrosa, rappresentandone sentimenti, passioni, segreti, eros, legami di amicizia, affetti familiari, spiritualità. Per avere scrutato le ferite dell’anima, talvolta causate da disprezzo e da discriminazioni, le gioie e i drammi di personaggi ordinari e straordinari, rappresentativi di uomini e donne odierni, di vite spesso vissute al confine, tra un paese e l’altro, tra un’identità e l’altra, in cui dimora la nostalgia, la memoria di un passato inciso nell’intimo”.

E ancora: “Per essere il simbolo dell’uomo contemporaneo, persona migrante, persona senza frontiere, persona del Mediterraneo, persona libera dentro e fuori, nata in quella che fu l’antica Bisanzio, la Nova Roma di Costantino, maturata e cresciuta nella Roma d’Occidente, persona nella cui esistenza si intrecciano e si fondono le radici di due civiltà, producendo un unicum intellettuale. Per avere colto il cammino di ‘leggerezza’ della nostra città dopo anni di soffocante ‘pesantezza’, di una ‘leggerezza’ che è caratteristica di valori forti in alternativa alla ‘pesantezza’ di valori disumani e deboli”.

E infine: “Per avere mostrato la ricchezza e la bellezza delle diversità, delle contaminazioni culturali e religiose, della mescolanza di prospettive differenti che si incontrano, attraverso una visione aperta delle cose, del mondo, delle persone, cogliendo l’importanza della condivisione nei rapporti interpersonali, superando ruoli e differenze sociali, al fine di impedire che le diversità divengano diseguaglianze”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»