Aggressione ai rom, l’Unione inquilini: “Perché gli xenofobi agiscono indisturbati?”

Il segretario romano Fabrizio Ragucci punta il dito contro le strumentalizzazioni politiche a fini elettorali. E chiama in causa Fabrizio Ghera di Fratelli d'Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo le minacce – “Vi tiriamo una bomba”– alla famiglia rom legittima assegnataria di una casa popolare a Casal Bruciato, interviene sulla cupa vicenda l’Unione inquilini. E attacca chi, a livello politico, strumentalizza il tema delicato dell’assegnazione degli alloggi. 

LEGGI ANCHE Roma. Casa assegnata a famiglia Rom, scoppia la protesta a Casal Bruciato: “Vi tiriamo una bomba”

“Ci chiediamo come sia possibile permettere a gruppi xenofobi di terrorizzare le famiglie regolarmente assegnatarie di case popolari senza che si disperdano i gruppi feroci che minacciano interi quartieri. Perché vengono lasciati agire indisturbati? Chi è il mandante politico?“. Così tuona il segretario romano Fabrizio Ragucci che prosegue: “Come Unione Inquilini possiamo dire con orgoglio di aver aiutato a compilare e presentare le regolari domande per il bando Erp sia per la famiglia di via Satta, sia per la famiglia di via Schopenhauer. Si tratta di famiglie che per anni hanno vissuto nei cosiddetti ‘campi attrezzati’ e che oggi hanno ottenuto la casa perché hanno rispettato le procedure e atteso pazientemente una delle poche case assegnate a Roma“.

“Mi rivolgo a chi strumentalizza per fini elettorali– Ragucci sottolinea- la questione del razzismo nei nostri quartieri senza perdersi un solo presidio nei quali vediamo quattro ragazzotti gasati inveire contro donne e bambini, a chi come Fabrizio Ghera capogruppo di Fratelli D’Italia alla Regione Lazio insinua che le famiglie, avendo presentato domanda nel 2018, hanno saltato le graduatorie. Eppure Fabrizio Ghera dovrebbe sapere che i tempi e le modalità di assegnazione sono del tutto regolari. Se non lo sa si informi anziché fare la figura del furbo sprovveduto. Conosce bene il bando perché c’era quando sedeva al Comune durante l’amministrazione Alemanno. Proprio il periodo in cui si individua l’apice degli affari di Mafia Capitale, quando il sistema dei centri di accoglienza anche per rom permettevano a molti di approfittare di grandi guadagni a danno di persone che vivevano in veri e propri ghetti. I rom vanno bene per tutte le stagioni, sia quando si è in campagna elettorale, sia quando c’è da approfittarne per la speculazione. Sia mai prendessero regolarmente una casa!”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»