Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dazi, Pietrabissa (ICC Italia): “Danno per l’Italia, governo supporti aziende”

ROMA - “Un freno al libero commercio per l’economia europea e in gran parte per l’economia italiana costituisce un danno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Un freno al libero commercio per l’economia europea e in gran parte per l’economia italiana costituisce un danno incredibile. Il nuovo governo supporti l’economia italiana, che è fortemente esportatrice, e le aziende italiane che esportano. Non ponga ostacoli, non corra dietro a una politica di dazi che per noi sarebbe disastrosa”. E’ quanto afferma il presidente di International Chamber of Commerce-ICC Italia, Ettore Pietrabissa, commentando la guerra commerciale dei dazi tra Stati Uniti e Cina, che potrebbe avere ripercussioni anche in Europa, e quindi in Italia.

“Le politiche protezioniste a cui stiamo assistendo, o meglio, i tentativi di imporre nuove politiche protezionistiche a cui stiamo assistendo- afferma Pietrabissa- hanno un precedente non favorevole. Dobbiamo ricordare che nel ‘29 la grande crisi che attanagliò tutto il mondo fu affrontata dalla maggior parte dei grandi Paesi imponendo dazi e politiche protezionistiche che invece, senza ombra di dubbio, hanno acuito la crisi, hanno provocato problemi politici rilevantissimi, che in buona parte hanno condotto alla seconda Guerra mondiale”.

“Sembra quasi assurdo dirlo, ma tutti gli storici concordano sul fatto che buona parte delle ragioni del secondo conflitto mondiale risiedano nei grandi conflitti economici susseguenti alle politiche sbagliate post 1929. Dopo il secondo conflitto sembrava che avessimo imparato la lezione e ricordassimo la nostra storia. In Europa e in tutto il mondo quella storia l’abbiamo imparata, l’abbiamo capita e abbiamo avviato accordi a cominciare dall’Ue, poi gli accordi Transpacifici, gli accordi asiatici per il libero commercio, che hanno consentito lo sviluppo. Adesso torniamo indietro?”.

Dunque, per Pietrabissa, “un freno al libero commercio per l’economia europea e in gran parte per l’economia italiana costituisce un danno incredibile. L’economia italiana è fortemente esportatrice. Uno dei punti di forza del nostro Paese- sostiene il presidente di ICC Italia- è la capacità di esportare e di imporre i nostri prodotti in tutto il mondo. Subire una guerra commerciale a base di dazi per noi sarebbe veramente disastroso”.

“La Camera di commercio internazionale supporta direttamente con tutta la propria forza e la propria presenza la Comunità europea nei suoi tentativi di resistere a questa nouvelle vague di dazi dissennati e per quanto riguarda direttamente l’Italia, quello che come Camera internazionale del commercio vogliamo fare è suggerire con molta passione al nuovo governo – conclude Pietrabissa – di supportare l’economia italiana, che è fortemente esportatrice, di supportare le aziende italiane che esportano. Non porre ostacoli, non correre dietro a una politica di dazi che per noi sarebbe disastrosa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»