Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Corteo ‘No borders’ al Brennero, scontri tra anarchici e Polizia

ROMA - Caos e scontri tra Polizia e manifestanti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

brennerooo-2ROMA – Caos e scontri tra Polizia e manifestanti al Brennero, in occasione della manifestazione ‘No borders’ contro la proposta, da parte dell’Austria, di costruire un muro tra Italia e Vienna contro l’ondata di migranti. Bloccata prima la Ferrovia e poi anche l’Autostrada, che corre in parallelo ai binari.

Inizialmente i manifestanti, tra cui folti gruppi di anarchici incappucciati e vestiti di nero, si erano sistemati nella stazione del Brennero, occupando i binari. Hanno lanciato sassi e petardi contro le forze dell’ordine in tenuta antisommossa, e la Polizia ha risposto con i lacrimogeni. Ci sono stati scontri e la piccola cittadina del Brennero per oltre un’ora è stata avvolta dalla nebbia di fumogeni e lacrimogeni. Dopo questi primi scontri, il corteo si è spostato in direzione del confine verso l’Autostrada, anch’essa bloccata dopo la ferrovia. E la Polizia, scesa in strada in forze con centinaia di agenti, che camminava per raggiungere i manifestanti. Almeno due poliziotti sarebbero rimasti feriti durante gli scontri. E ci sarebbero decine di attivisti fermati tra gli anarchici.

Tra i manifestanti in prima fila, quest’oggi, anche l’anarchico disabile Pasquale Valitutti, lo stesso che si era già visto in azione a Roma nel 2014 in occasione della manifestazione contro l’Austerity e poi a Milano con i No Expo nel 2015.

brennero5Per partecipare alla manifestazione  sono arrivati circa 500 persone, dall’Italia e dall’Europa, a partire da Grecia, Austria e Germania. Oggi, intanto, il ministro degli Interni austriaco Wolfgang Sobotka da Merano ha detto che “al Brennero non ci sarà nessun muro e il confine non verrà chiuso”. E ha aggiunto: “Se l’Italia fa i suoi compiti non ci sarà neanche bisogno dei controlli. Se la Germania può controllare verso l’Austria, non si capisce perché l’Austria non possa fare lo stesso verso l’Italia”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»