NEWS:

Tg Pediatria, edizione del 7 aprile 2022

In questa edizione si parla di: opuscolo vaccini in ucraino; cancro; orfani crimini domestici; malattia Anderson-Fabry; Angelina Jolie al Bambino Gesù di Roma

Pubblicato:07-04-2022 13:21
Ultimo aggiornamento:07-04-2022 13:22

Tg Pediatria
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

VACCINAZIONI, OPUSCOLO SIP-SIN DISPONIBILE ANCHE IN LINGUA UCRAINA

Per offrire la migliore assistenza sanitaria possibile ai minori in fuga dall’Ucraina che arrivano nel nostro Paese, la Sip ha deciso di tradurre in ucraino l’opuscolo sulle vaccinazioni in età evolutiva, realizzato insieme alla Sin e rivolto ai genitori. La guida, patrocinata dal ministero della Salute, è gratuitamente scaricabile dal sito della Società scientifica e illustra il calendario del Piano nazionale di prevenzione vaccinale vigente in Italia con informazioni sulle malattie infettive prevenibili tramite vaccinazione. “Offrire alle famiglie in arrivo in Italia e agli operatori sanitari che eseguono le vaccinazioni una guida di facile e immediata consultazione rientra nell’intento di agevolare la relazione medico-paziente anche utilizzando strumenti informativi che supportino l’integrazione”, afferma Annamaria Staiano, presidente Sip. A tale scopo è stato tradotto in ucraino anche il triage prevaccinale che consente di avere informazioni sullo stato di salute generale del bambino necessarie per eseguire le vaccinazioni in sicurezza.

UCRAINA, THE LANCET: “ALLARME PAZIENTI ONCOLOGICI ANCHE PEDIATRICI”

“Le disparità nel trattamento del cancro in Ucraina erano già molto alte prima dell’aggressione russa e adesso, in conseguenza del conflitto, peggioreranno indubbiamente”. A lanciare l’allarme è la rivista scientifica The Lancet, che sottolinea come l’Ucraina abbia già un “pesante carico di cancro, con oltre 160mila nuove diagnosi solo nel 2020. Il Paese- proseguono gli esperti- ha anche uno dei più alti tassi di mortalità infantile per cancro al mondo”. Sono 1.500 i bambini ucraini con il cancro che si stima riceveranno un trattamento ed è “vitale che continuino ad avere accesso a cure multidisciplinari” anche perché, ricorda The Lancet, “l’80% dei tumori infantili sono curabili. La sicurezza del sistema sanitario deve essere sempre rispettata e protetta durante i conflitti, in base alla Convenzione di Ginevra- concludono gli esperti- Questa guerra orrenda sta uccidendo senza pietà civili innocenti, sta interrompendo il lavoro dei sanitari e sta mettendo in grave pericolo le vite dei pazienti ucraini con il cancro”.

POLICLINICO BARI, PARTE SUPPORTO A ORFANI DI CRIMINI DOMESTICI

Si chiama ‘Respiro’ ed è il progetto che intende supportare i bambini e gli adolescenti rimasti orfani perché hanno perso un genitore per mano dell’altro, a propria volta poi suicida o in carcere. L’obiettivo è aiutare l’apprendimento della notizia della morte della mamma per mano del papà o viceversa. In Puglia sono 12 gli orfani speciali che sono stati privati di entrambi i genitori e l’unità operativa di Psicologia dell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari ne ha presi in carico 10. Sono stati effettuati interventi per il sostegno psicologico in urgenza e a scuola, successivamente è stata avviata la presa in carico ambulatoriale con l’attivazione di percorsi paralleli di psicoterapia individuale e raccordi sistematici con i centri diurni e con gli adulti affidatari. Sono in corso i monitoraggi sistematici degli adattamenti psicologici. “In questi anni abbiamo seguito molti casi di orfani speciali, siamo intervenuti sin dai primissimi momenti e abbiamo partecipato attraverso il pronto soccorso psicologico mobile a tutte le fasi più critiche dei bambini”, spiega Michele Pellegrini, psicologo dell’ospedale Giovanni XXIII e responsabile aziendale del progetto ‘Respiro’.


AL VIA CAMPAGNA AIAF PER DIAGNOSI PRECOCE MALATTIA ANDERSON-FABRY

Promuovere la conoscenza della malattia affinché si possano subito ‘riconoscere’ i suoi sintomi, per evitare danni irreversibili agli organi. Coinvolgere istituzioni ed opinione pubblica nella comprensione dell’importanza della diagnosi precoce della patologia rara, puntando all’inserimento della Malattia di Anderson-Fabry nel panel dello Screening Neonatale Esteso. Accelerare quindi l’aggiornamento di quest’ultimo. È la mission dell’Associazione Italiana Anderson-Fabry, impegnata nel promuovere le migliori pratiche di diagnosi, cura e assistenza per i pazienti e i loro familiari. Aprile è il mese della consapevolezza della Malattia di Anderson-Fabry. “Ottenere una diagnosi per un paziente è un percorso a ostacoli che può durare diversi anni, perché i sintomi sono difficili da riconoscere. Spesso la diagnosi arriva quando la malattia ha già colpito alcuni organi in modo irreversibile, con pesanti ripercussioni sulla qualità di vita del paziente e riducendo l’aspettativa di vita”, ha spiegato Stefania Tobaldini, presidente dell’Associazione.

UCRAINA, ANGELINA JOLIE A ROMA VISITA BIMBI RICOVERATI AL BAMBINO GESÙ

Lo scorso 30 marzo, Angelina Jolie “è venuta in ospedale per incontrare i bambini ucraini arrivati in Italia a causa del conflitto, i medici e gli infermieri che si prendono cura di loro”. Lo ha annunciato in post su Facebook lo staff dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. “La sua visita- prosegue il post- è avvenuta proprio nel giorno in cui l’Agenzia delle Nazioni unite per i rifugiati ha confermato che in un mese sono stati quattro milioni gli ucraini fuggiti dal loro Paese, rendendo questa la crisi dei rifugiati con la crescita più esponenziale dalla Seconda guerra mondiale ad oggi. Altri 6,5 milioni di persone sono state sfollate all’interno dell’Ucraina”. Angelina Jolie ha detto di stare “pregando per la fine della guerra. Questo è l’unico modo per fermare la sofferenza e la fuga dalle zone del conflitto. È orribile vedere bambini che ne pagano il prezzo, in vite perse, salute danneggiata e traumi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy