Covid, Speranza: “Astrazeneca a over 60, ma piano vaccini non cambia”

Un collegamento "tra vaccino e trombosi è possibile" seppure non ancora "dimostrato", spiega il direttore del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “A breve faremo una circolare molto chiara sulla somministrazione del vaccino Astrazeneca per gli over 60”. E’ quanto riferito, secondo quanto apprende l’agenzia Dire, dal ministro della Salute Roberto Seranza durante l’incontro in collegamento con le Regioni, L’Anci e L’Upi a cui hanno preso parte anche il direttore del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli, la ministra per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini e il commissario Francesco Figliuolo.

Speranza ha quindi dato rassicurazioni sul fatto che “il piano vaccinale non subirà cambiamenti” e l’anagrafe resterà “una priorità assoluta”. Infine, il ministro ha confermato che per i richiami “si potrà procedere con Astrazeneca anche sotto i 60 anni”.

LEGGI ANCHE: Astrazeneca, verso lo stop per under 60. Ema: “Benefici superiori a rischi”

LOCATELLI: “ASTRAZENECA MEGLIO PER OVER 60, NO INDICAZIONI STOP SECONDA DOSE”

“Raccomandare l’uso preferenziale” di Astrazeneca per gli over 60, anche considerando i dati sulla letalità del Covid secondo i quali le vittime sono soprattutto anziani. Così il direttore del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli, in conferenza stampa dopo il vertice in video collegamento con la ministra per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini, il commissario Francesco Figliuolo e i rappresentanti delle Regioni, dell’Anci e dell’Upi.

Un collegamento “tra vaccino e trombosi è possibile” seppure non ancora “dimostrato”, ha sottolineato Locatelli. Che ha confermato a questo proposito che “gli studi sono in corso e le ipotesi sul tavolo in questo momento non sono definite nè dimostrate”.

Il direttore del Consiglio superiore di Sanità ha ricordato come al momento “non ci sono indicazioni per sospendere la seconda dose di Astrazeneca“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»