Cibo, Battistoni: “No messaggi su bottiglie di vino, ‘Nutriscore’ nemico dieta mediterranea”

francesco battistoni
Il sottosegretario alle Politiche agricole di Forza Italia, Francesco Battistoni, intervistato dall'Agenzia Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il settore vinicolo “viene da un periodo di profonda crisi. Con la chiusura del reparto horeca, i vini, in particolar modo quelli pregiati, hanno subito un forte calo dei consumi. Non ci sono prodotti che in assoluto fanno bene o male, ma prodotti che assunti nella giusta quantità giovano anche alla salute“. Lo ha detto all’agenzia Dire il sottosegretario alle Politiche agricole di Forza Italia, Francesco Battistoni, a proposito del sistema di etichettatura sulle bottiglie di vino con messaggi ‘allarmistici’, sul modello dei pacchetti di sigarette.

“E’ riconosciuto universalmente infatti- prosegue il sottosegretario- che mezzo bicchiere di vino rosso è un ottimo antiossidante. Quello che servirebbe quindi è una corretta campagna di informazione in modo da rendere edotto il consumatore sul prodotto che acquista”.

Il nutriscore non è un nemico del made in Italy, ma il nemico“, aggiunge Battistoni. “Attraverso questo modulo di valutazione si vuole mettere in crisi tutto il nostro impianto alimentare, la cosiddetta dieta mediterranea che, ricordo, è patrimonio dell’Unesco. Con un bollino che non ha nulla di scientifico di fatto si assume un atteggiamento distorsivo nei confronti dei nostri alimenti. Questo è del tutto ingiusto anche perchè non poggia su basi scientifiche”.

“Noi- prosegue Battistoni- siamo per un altro strumento di valutazione che è il ‘nutrinform battery’ che si basa sulle misure, ossia la giusta quantità giornaliera che andrebbe consumata. Credo che una corretta informazione sulla nostra alimentazione sia molto più adeguata di un bollino asettico che rischia di mettere in crisi tutto il nostro sistema produttivo alimentare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»