Auditorium di Roma lancia dodici ‘Lezioni di Letteratura’ per riscoprire i classici

Da Shakespeare a Dostoevskij, da Virginia Woolf a Elsa Morante fino a Flaubert. Disponibili dal 28 aprile sulla piattaforma AuditoriumPlus, saranno introdotte da Neri Marcorè
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dodici lezioni in streaming con scrittori e intellettuali alla scoperta delle opere letterarie di grandi maestri, da Shakespeare a Dostoevskij, da Virginia Woolf a Elsa Morante fino a Flaubert. È il ciclo ‘Lezioni di Letteratura’, che da anni la Fondazione Musica per Roma produce in collaborazione con la Fondazione De Santis, e che sarà disponibili dal 28 aprile in esclusiva sulla piattaforma AuditoriumPlus (www.auditoriumplus.com) con cadenza settimanale fino al 14 luglio.

A fare da filo conduttore tra tutte le opere sarà l’attore Neri Marcoré, che introdurrà brevemente ciascun appuntamento. Gli scrittori e gli intellettuali coinvolti sono: Corrado Augias, Massimo Cacciari, Nicola Lagioia, Sandro Veronesi, Nadia Fusini, Antonella Lattanzi, Chiara Valerio, Elena Stancanelli, Emanuele Trevi, Valeria Parrella, Dacia Maraini, la cui lezione verrà impreziosita dalla lettura di Matilda De Angelis e Gustavo Zagrebelsky che terrà una lezione-dialogo con Paolo Di Paolo su Dostoevskij nella ricorrenza dei duecento anni dalla nascita.

“Sarà un’occasione unica per riscoprire capolavori, per affrontare attraverso di essi grandi temi universali e renderli strumenti utili per comprendere il presente, ma soprattutto, per riviverli e riscoprirli filtrati dalla sensibilità e dalla voce di grandi autori contemporanei”, ha spiegato l’amministratore delegato della Fondazione Musica per Roma, Daniele Pitteri, presentando il ciclo di lezioni. “Sono anni che diciamo che in Italia si legge poco e invece quest’anno sono aumentati i lettori, le vendite– ha aggiunto Pitteri- C’è una rinnovata voglia di conoscenza e di fruizione culturale da parte del pubblico, grazie alle possibilità offerte dai contenuti online”.

“La riscoperta dei classici è sempre un percorso affascinante- ha sottolineato Neri Marcoré- Non mi stupisce il fatto che iniziative di questo tipo abbiano successo perché nonostante la pandemia c’è sempre voglia di conoscenza e curiosità. Speriamo però che sia una delle ultime occasioni in cui le poltrone della Sala Petrassi restano vuote e rosse, speriamo che il rosso venga coperto presto dai colori dalla gente”.

I biglietti saranno disponibili dal 15 aprile. Il costo dei biglietti sarà di 5 euro per le singole lezioni e 40 euro per l’abbonamento a tutte le 12 lezioni.

IL PROGRAMMA COMPLETO

28 aprile – Corrado Augias su ‘I Promessi Sposi’ di Alessandro Manzoni
5 maggio – Massimo Cacciari su ‘Il Principe’ di Niccolò Machiavelli
12 maggio – Nadia Fusini su ‘La Tempesta’ di William Shakespeare
19 maggio – Nicola Lagioia su ‘A sangue freddo’ di Truman Capote
26 maggio – Gustavo Zagrebelsky dialoga con Paolo Di Paolo su ‘I fratelli Karamazov’ di Fëdor Dostoevskij
2 giugno – Sandro Veronesi su ‘Pinocchio’ di Carlo Collodi
9 giugno – Elena Stancanelli su ‘L’Isola di Arturo’ di Elsa Morante
16 giugno – Chiara Valerio su ‘Gita al faro’ di Virginia Woolf
23 giugno – Dacia Maraini su ‘L’altra verità. Diario di una diversa’ di Alda Merini
30 giugno – Emanuele Trevi su ‘Il giro di vite’ di Henry James
7 luglio – Valeria Parrella su ‘Il mare non bagna Napoli’ di Anna Maria Ortese
14 luglio – Antonella Lattanzi su ‘Madame Bovary’ di Gustave Flaubert.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»