Kenya, la moschea è sulla maglietta di Jay-Z: infuria la polemica

Si tratta di una maglietta sulla quale campeggiano i minareti della moschea di Riyadha, realizzata dallo stilista keniano di base negli Stati Uniti Zeddie Lukoye
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Brando Ricci

ROMA – Doveva essere un omaggio a una moschea e centro culturale tra i più importanti dell’Africa orientale, sull’isola keniana di Lamu, ma è finito per far infuriare autorità religiose e fedeli locali. Si tratta di una maglietta sulla quale campeggiano i minareti della moschea di Riyadha, realizzata dallo stilista keniano di base negli Stati Uniti Zeddie Lukoye e indossata pochi giorni fa dal rapper e imprenditore americano Jay-Z.

Una foto della t-shirt addosso al musicista, oltre 50 milioni di album venduti in tutto il mondo, è arrivata anche ai dirigenti della congregazione musulmana della piccola isola, che non sono rimasti contenti dell’omaggio. In una lettera inviata allo stilista, il segretario generale Abubakar Badawy, si legge sul quotidiano locale Daily Nation, afferma di “non considerare questo tipo di rappresentazione un onore o un privilegio, né per la storica moschea né per il suo fondatore, Habib Swaleh”. Secondo Badawy, l’immagine del luogo sacro potrebbe finire a causa della maglietta in bar o discoteche. Un’eventualità del genere viene definita nella lettera “un affronto al rispetto spirituale e alla dignità della moschea, del suo fondatore, della congregazione e di tutta la comunità musulmana, dentro e fuori l’isola di Lamu”. Il religioso ha esortato comunque a “continuare a promuovere Lamu”, il cui centro storico è Patrimonio dell’umanità dell’Unesco, facendo però attenzione a “non appropriarsi di una cultura per promuovere cose che sono contrarie ai suoi valori“.

La moschea fu fondata intorno all’anno 1900 e oggi è ritenuta uno dei più importanti centri di insegnamento tradizionale della regione. Il luogo di culto conserva una collezione di circa 130 antichi manoscritti ed è sede di un festival religioso dedicato al profeta Maometto, il Maulidi Festival, che ogni anno attira fedeli da tutto il Kenya e i Paesi vicini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»