VIDEO | Coronavirus, balneari Sardegna: “Ora estendere concessioni fino al 2033”

I balneari della Sardegna sono preoccupati per gli impatti del Covid-19 sul turismo: "Subito l'estensione delle concessioni fino al 2033, promessa da tempo ma ancora non realizzata"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

CAGLIARI – “La Regione Sardegna deve concretizzare la famosa estensione delle concessioni balneari fino al 2033, promessa, ma ancora non realizzata. Per gli operatori balneari sarebbe già un piccolo aiuto, tra l’altro a costo zero”. Così alla ‘Dire’ il presidente del sindacato dei balneari della Sardegna, Claudio Del Giudice, interviene sull’emergenza coronavirus che nell’isola rischia di travolgere il settore dell’industria turistica.

LEGGI ANCHE: Coronavirus e turismo, in Italia in fumo 18 mld nel 2020. La Sardegna perderà 367 mln di euro

Un recente studio di Demoskopika ha quantificato 367 milioni di euro di possibile spesa turistica che nel 2020 potrebbero andare in fumo, diretta conseguenza della riduzione di arrivi e quindi di presenze nell’isola: “Noi non abbiamo ancora dati reali- spiega Del Giudice- ma senza dubbio la crisi sarà dura. Ricordo che la Regione Sardegna ha un pil turistico dell’8%, a cui si deve aggiungere un indotto del 6%, stiamo parlando di una fetta importante dell’economia dell’isola. Al momento si sono fatte molte supposizioni sui numeri della crisi, e anche per questo stiamo aspettando di interfacciarci con la Regione: “Vogliamo un tavolo di concertazione, una cabina di regia proprio per uscire fuori da questa navigazione a vista“.

Prosegue Del Giudice: “C’è parecchia incertezza tra i balneari, ecco perché insisto per creare una cabina di regia, occorre che tutti gli attori principali dell’economia turistica, le associazioni di categoria e gli assessorati competenti, si siedano attorno a un tavolo. La macchina economica non è un’automobile, non basta girare la chiave per ripartire. L’emergenza coronavirus passerà, il problema è come verrà gestito il ‘dopo’. Che tipologia di clientela avremo? Quanti turisti arriveranno? Le nostre imprese riusciranno a stare in piedi anche con la penuria di clientela? Queste sono le domande che affliggono i balneari. Da parte delle istituzioni ci dovrebbe essere più condivisione”.

Nella sua tragicità, conclude, “questa pandemia ha portato a galla tutte le problematiche che prima erano sottaciute o che non si volevano vedere. La politica deve rendersi conto dell’importanza che il turismo riveste per la Sardegna, inizi a ragionare insieme agli imprenditori di questa benedetta regione”.

LEGGI ANCHE: “Giù le mani dalla posidonia”, in Sardegna minoranza all’attacco

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»