VIDEO | Coronavirus, i Rockin’1000 suonano da casa con Aperol. E alla Protezione civile arrivano 100.000 euro

Together we can’ e’ un'operazione musicale realizzata da Aperol e Rockin’1000
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  ‘Together we can’ e’ l’operazione musicale realizzata da Aperol e Rockin’1000 per supportare attivamente la Protezione Civile, impegnata in prima linea nel fronteggiare l’emergenza in atto. Insieme per fare bene, Aperol e Rockin’1000 hanno creato un’enorme band composta da 1200 musicisti che uniti virtualmente, ciascuno dalla propria casa, hanno cantato e suonato “Una musica puo’ fare” di Max Gazze’.

Il risultato e’ un emozionante video corale che racchiude tutti i contributi audio e video realizzati dai musicisti che hanno risposto alla chiamata, per lanciare insieme una raccolta fondi destinata alla Protezione Civile. La partecipazione a Together We Can e’ stata aperta a tutti, a partire da Rockin’1000 – la piu’ grande Rock Band al mondo, estendendo l’invito anche ai musicisti che non fanno parte della Community, registrando ben 1215 contributi audio-video. A fare da sfondo sono i salotti, le cucine, le camere da letto dei partecipanti che, suddivisi in 450 chitarristi, 273 cantanti, 186 bassisti, 162 batteristi, 60 tastieristi, 53 saxofonisti, 20 trombe e 11 tromboni, provengono da aree geografiche tutte diverse: Italia, Francia, Austria, Germania, Belgio, Svizzera, Russia, Argentina, Inghilterra e Tunisia.

Mai come ora, quello che la musica puo’ fare e’ generare tanta solidarieta’. Una musica puo’ farci sentire piu’ vicini, piu’ uniti. Anche se lontani, insieme possiamo ridere, cantare una canzone, condividere emozioni e, soprattutto, dare un contributo per sostenere l’emergenza. Per questo motivo, per ogni partecipante Aperol e Rockin’1000 hanno donato 50 euro e, una volta arrivati a 1.000 partecipanti, Aperol ha raddoppiato la donazione. Grazie a Together we can sono stati cosi’ raccolti già 100.000 euro a favore della Protezione Civile, e insieme si può fare anche di più. Chiunque puo’ unirsi e partecipare alla donazione, perche’ insieme siamo piu’ forti. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»