Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Napoli arrivati camion con i prefabbricati per l’ospedale covid: 48 posti letto entro il 15 aprile

"Saremo pronti ad accogliere i primi pazienti la prossima settimana": lo ha assicurato Ciro Verdoliva, direttore generale dell'Asl Napoli 1 Centro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Sono arrivati all‘ospedale del Mare di Napoli i 57 camion partiti da Padova che trasportano i moduli prefabbricati di cui si comporra’ il primo ospedale da campo realizzato in Campania per aumentare i posti letto di terapia intensiva dedicati ai pazienti Covid. Sono arrivati a Napoli due dei tre moduli previsti, da 24 posti letto ciascuno, per un totale di 48 posti, che saranno attivati in tempi brevi. Oggi parte l’installazione e l’attivazione dei 48 posti letto e’ prevista intorno al 15 aprile. 

Entro tre giorni – assicura l’architetto Antonio Bruno, direttore dei lavori – il Covid center sara’ completamente montato. Seguira’ la fase dei collaudi e dell’arredamento, contiamo che il centro sara’ operativo subito dopo Pasqua“.

All’ingresso dell’ospedale da campo ci sara’ uno spazio per la camera calda, un tunnel per l’ingresso dell’ambulanza e le aree pedonali, evidenziate con colori differenti. “All’interno – spiega Bruno – i percorsi sporco e pulito sono gia’ progettati. I camion trasportano il 90% di tutto quello di cui c’e’ bisogno per un Covid-center, dalla struttura alle apparecchiature, ventilatori compresi. Mancano soltanto i letti che sono gia’ disponibili”. 

I lavori nell’area vicina al parcheggio dell’ospedale del Mare di Ponticelli dove sorgera’ il centro Covid sono iniziati 15 giorni fa. “Abbiamo fatto un miracolo, anticipando il cronoprogramma”, sottolinea il direttore dei lavori.
E’ previsto per il 20 aprile l’arrivo di altri camion, con l’ultimo modulo da 24 posti, per un totale complessivo di 72 posti letto di terapia intensiva utili ad ospitare i pazienti Covid. La struttura costa 7,7 milioni di euro, l’importo della gara comprensivo del ribasso presentato dalla ditta vincitrice, la Manufacturing Engineering Development MED di Padova che si occupa proprio di moduli prefabbricati in sanita’. “Questi moduli – dice il direttore dei lavori – saranno attivi per tutto il periodo dell’emergenza ma stiamo ragionando sui futuri usi delle strutture. Pensiamo che una parte sara’ utilizzata come una centrale 118, mentre un modulo potrebbe essere usato come asilo nido aziendale“.

Nell’ambito del piano della Regione Campania per far fronte all’emergenza Covid-19 sono previsti altri due ospedali prefabbricati per la terapia intensiva a Salerno e a Caserta.

https://vimeo.com/404913424

DG ASL NAPOLI: GRU IN AZIONE A OSPEDALE PREFABBRICATO

“Saremo pronti ad accogliere i primi pazienti la prossima settimana”. Lo ha assicurato Ciro Verdoliva, direttore generale dell’Asl Napoli 1 Centro, che ha seguito l’arrivo dei 57 camion. L’arrivo dei tir e’ stato salutato dall’applauso dei cittadini di Ponticelli, il quartiere dove sorge il nosocomio.

“Completiamo un lavoro cominciato due settimane fa e da domani – aggiunge Verdoliva – le gru entreranno in azione, cominciamo a vedere i frutti del lavoro fatto finora. Abbiamo cinque giorni per montare una struttura per 48 posti letto di terapia intensiva e la settimana successiva arrivano altri 30 tir per altri 24 posti. Ora pensiamo a vincere il Covid, poi parleremo del futuro di questa struttura“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»