S.P.O.T. per piano solo è in free download. Ecco il video promo in esclusiva

Nove maestri del pianoforte rileggono i brani dell’album di Giovanni Block
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – A distanza di qualche giorno dalle riprese audio e video, dirette da Danilo Marraffino, la playlist completa di S.P.O.T. per Piano Solo è disponibile da ieri in free download. Negli studi della Polosud Records, storica etichetta napoletana, i brani del secondo disco del canta-compositore Giovanni Block sono stati rivisitati da alcuni tra i migliori pianisti della scena campana.

Tasti bianchi e neri per rileggere S.P.O.T.

In una due giorni di studio tutte le canzoni dell’album sono state reinterpretate liberamente dal brio e dal talento compositivo di alcuni fra i migliori pianisti della scena campana. Il genio di incredibili strumentisti si confronta così con le melodie dell’album S.P.O.T.. Il risultato è una nuova, diversa emozione che permette di osservare la stessa opera da punti diversi.

Nove maestri per un solo autore

Hanno partecipato i maestri Mariano Bellopede, Lorenzo Campese, Luigi Esposito, Gino Giovanelli, Francesco Lettieri. E ancora Martina Mollo, Mario Nappi, Eunice Petito e Roberto Porzio. Questo è solo un primo esperimento”, spiega Giovanni Block. “Abbiamo intenzione di dare sempre più spazio agli strumentisti. Ma, non solo ai pianisti, da sempre colonna portante della musica in Italia, anche nel mondo della canzone d’autore”.

Questo il brano Core Mio, tratto dall’album SPOT, nella doppia versione, musica e voce e “piano solo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»