Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Siria, Usa bombardano base aerea di Assad. Il Cremlino: “E’ aggressione”

ROMA - L'America di Donald Trump mostra i muscoli.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’America di Donald Trump mostra i muscoli. Alle 4.40 di questa mattina (le 2.40 ora italiana), 59 missili da crociera Tomahawk partiti da due incrociatori statunitensi nel Mediterraneo hanno colpito la base aerea siriana di Shayrat, da cui sarebbero partiti i jet che martedì scorso avrebbero bombardato con il gas la provincia di Idlib, causando decine di morti tra i civili.

Come dichiarato dalle autorità americane, l’obiettivo del raid era “impedire che il regime usi armi chimiche di nuovo“. Stando a quanto dichiarato dall’Osservatorio siriano per i diritti umani, l’ong che per prima aveva denunciato la strage di Khan Sheikoun, ci sarebbero almeno quattro morti e l’aeroporto sarebbe stato praticamente distrutto.

Il bombardamento è stato confermato da Donald Trump, nel resort di Mar-a-Lago, in Florida, dove ieri sera il presidente americano ha accolto il suo omologo cinese Xi Jinping per un primo atteso incontro bilaterale. Intanto, il Segretario di stato statunitense Tillerson si trova a Mosca per un vertice con l’omologo russo Lavrov. Il Pentagono, inoltre, ha ufficialmente chiarito di aver avvertito i russi del bombardamento attraverso la ‘hot-line’ stabilita tra gli eserciti di Washington e Mosca per evitare incidente nello spazio aereo di Damasco.

Nonostante l’avvertimento, è dura la reazione del Cremlino che, attraverso le dichiarazioni del portavoce Dmitrij Peskov, definisce il raid “Un atto di aggressione contro un Paese sovrano“. Come immediata contromisura, intanto, le forze russe hanno annunciato la sospensione del memorandum firmato con la coalizione internazionale per il coordinamento delle operazioni militari nello spazio aereo siriano.

DAMASCO ACCUSA: IN RAID VITTIME CIVILI, USA IRRESPONSABILI

Sono almeno nove le vittime civili provocate dal bombardamento americano della base di Shairat, in Siria: lo ha riferito oggi l’agenzia di stampa statale ‘Sana’, secondo la quale a perdere la vita nei raid sono stati anche quattro bambini.

Sul bombardamento, in giornata, è arrivata anche la presa di posizione del presidente siriano Bashar Al Assad: il raid sarebbe stato “sciocco e irresponsabile”, rivelatore di “mancanza di visione” e “cecità politica e militare”.

di Michele Bollino

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»