Colombia, la preoccupazione dei vescovi: “Cresce la violenza dei gruppi armati sui civili”

Nel comunicato diffuso dalla stampa cattolica, i vescovi di queste diocesi sollecitano una maggiore presenza dello Stato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

colombiaROMA  – Il dipartimento del Choco’, la vasta regione della Colombia che si affaccia sull’Oceano Pacifico, e’ sempre piu’ in balia della violenza portata avanti da gruppi armati e illegali, che “suscitano panico e timore nella popolazione colpita” dalle loro scorribande e atti violenti. La denuncia arriva dal Coordinamento ecclesiale del Pacifico (Cep), che raggruppa le diocesi di Istmina-Tado’, Quibdo’, Apartado’, Tumaco, Guapi y Buenaventura e le organizzazioni etnico territoriali, sociali e indigene.

Nel comunicato diffuso dalla stampa cattolica, i vescovi di queste diocesi sollecitano una maggiore presenza dello Stato: “esigiamo che il Governo nazionale metta sul campo tutta la sua capacita’ istituzionale per contrastare le azioni che violano i diritti umani e i diritti dei popoli, commesse da gruppi paramilitari, sovversivi e ogni tipo di banda criminale”. Al tempo stesso nella nota si fa appello al Governo affinche’ sviluppi una politica di effettivo disarmo, che coinvolga tutti i gruppi armati illegali. Infine, i vescovi chiedono alle autorita’ competenti maggiore protezione per i leader comunitari e i difensori dei diritti umani, che negli ultimi mesi hanno ricevuto numerose minacce.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»