Diaz, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia: “Polizia impunita, la tortura non si prescrive”

ROMA - "Gli ufficiali di polizia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Mattanza alla scuola DiazROMA – “Gli ufficiali di polizia che hanno aggredito e materialmente sottoposto ad atti di tortura” Arnaldo Cestaro e gli altri ospiti della scuola Diaz “non sono stati identificati. Quindi non sono nemmeno stati indagati e sono rimasti semplicemente impuniti”. E’ quanto si legge nel dispositivo con cui la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo condanna l’Italia per il reato di “tortura” per i fatti della scuola Diaz durante il G8 di Genova.

La Corte stigmatizza l’impunità della polizia italiana: “La mancanza di identificazione degli autori dei maltrattamenti in questione deriva dalle difficoltà oggettive dei procuratori di procedere all’identificazione” dei colpevoli, ma anche dalla mancata “cooperazione della polizia durante le indagini preliminari”. Quindi “la Corte si rammarica che la polizia abbia potuto impunemente rifiutarsi di fornire alle autorità competenti la collaborazione necessaria per l’identificazione di agenti che potrebbero essere coinvolti in atti di tortura”.

Per tutto questo, “la Corte ritiene che la risposta” delle autorità italiane è stata “insufficiente rispetto alla gravità dei fatti”. Inoltre, “in casi di tortura o maltrattamenti da parte di funzionari statali, i procedimenti penali non dovrebbero essere estinti per effetto di prescrizione, così come amnistia e grazia non devono essere tollerate in questo settore”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»