L’Aquila, Cialente: “Situazione tragica, servono 7 milioni di euro”

Il sindaco spiega che il taglio improvviso voluto quest'anno dal Governo ha messo in ginocchio la città
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
L'Aquila
L’Aquila

ROMA –  “La situazione dell’Aquila è tragica, è impensabile per noi andare avanti con i tagli che sono stati fatti, anche perché in questo momento difficile i cittadini si rivolgono soprattutto ai comuni”. Lo ha detto, ai microfoni di Radio Città Futura, il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente. “Le entrate di un comune sono legate alle attività produttive e alla tassazione della casa. Noi non abbiamo le case e, allo stesso tempo, abbiamo dei costi aggiuntivi legati alle new town. Mentre negli altri anni il governo ci dava una mano, quest’anno ha operato un taglio improvviso di 7 milioni di euro che non sappiamo dove prendere, visto che avevamo un bilancio al centesimo. Stiamo aumentando le imposte, ma L’Aquila non è una città che riesce a sostenere un aumento delle imposte. Non riusciamo a chiudere il bilancio, è un mese che ho questo bilancio in mano e non riesco a trovare il coraggio di portarlo in consiglio comunale”, ha aggiunto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»