hamburger menu

Di Maio: “Niente no-fly zone in Ucraina o scoppia la Terza guerra mondiale”

Il ministro degli Esteri: "Non manderemo i nostri caccia a fermare gli aerei russi perché se anche uno solo venisse abbattuto dovremmo rispondere"

di maio

ROMA – “Putin pensava di avere una parte del mondo dalla sua parte, ma il presidente russo è isolato“. Lo dice il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ospite di ‘Che tempo che fa’ su Raitre, ricordando che “l’assemblea generale dell’Onu quasi all’unanimità ha votato la condanna della Russia“.

LEGGI ANCHE: Ucraina, corridoi umanitari a Mariupol. Onu: “Oltre 1,5 milioni di profughi hanno lasciato il paese”

Mentre proseguono gli attacchi russi sul territorio, il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky è tornato a chiedere a gran voce all’Occidente l’istituzione di una no-fly zone sui cieli del Paese. Una prospettiva già scartata dal segretario generale della Nato Stoltenberg e che Di Maio ribadisce essere esclusa: “Zelensky sta chiedendo alla Nato e ai Paesi europei di istituire una no-fly-zone per fermare gli aerei russi. Ma ciò significa mandare i nostri caccia a fermare gli aerei russi e se un solo nostro aereo viene abbattuto scoppia la Terza guerra mondiale perché dobbiamo rispondere“.

LEGGI ANCHE: Ucraina, Papa Francesco: “Santa Sede pronta a tutto per fermare la guerra”

Il ministro degli Esteri, che ieri ha annunciato il rafforzamento della partnership energetica con il Qatar, assicura che il sistema delle sanzioni è efficace e non ci sono alternative: “Putin sta portando l’economia russa verso il baratro. La comunità internazionale ha preso posizione. Non è la Guerra fredda, qui non c’è un Est contro l’Ovest. C’è solo lo spazio per la diplomazia, non possiamo immaginare una soluzione diversa. La diplomazia non ha i tempi delle bombe, ma ha bisogno di tempo. Non escludo che nei prossimi giorni la l’Unione europea possa valutare terzo pacchetto di sanzioni“, conclude Di Maio.

LEGGI ANCHE: Ucraina, l’analista Zilber: “Israele ha più chance di Macron”

IL COLLOQUIO DRAGHI-ZELENSKY

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha avuto un nuovo colloquio telefonico con il presidente ucraino Volodimir Zelensky, nel corso del quale è stata ribadita la profonda amicizia tra il popolo italiano e il popolo ucraino e la grande solidarietà dell’Italia nei confronti dell’Ucraina. Il premier, spiega palazzo Chigi, “ha condannato gli attacchi della Russia ai civili e alle infrastrutture nucleari, ha riaffermato la volontà italiana di fornire sostegno e assistenza all’Ucraina e alla sua popolazione e ha ribadito come l’Italia sostenga l’appartenenza dell’Ucraina alla famiglia europea. Il presidente Zelensky ha ringraziato il presidente Draghi per la sua vicinanza e per quella dell’Italia”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-08T19:10:34+02:00