Covid, Meloni: “Ancora un Dpcm, Draghi in continuità con Conte”

giorgia meloni
"Noi non possiamo considerare 'emergenziale' la situazione nella quale ci troviamo, perché dopo più di un anno è la normalità".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Tutto cambia perché nulla cambi. Credo che il primo segnale di discontinuità che fosse legittimo aspettarsi dal nuovo governo dovesse essere quello di non procedere per Dpcm. Noi non possiamo considerare “emergenziale” la situazione nella quale ci troviamo, perché dopo più di un anno è la normalità. E la libertà delle persone, nella normalità di una nazione democratica, non si limita con un atto amministrativo. Credo che questi siano i grandi interrogativi di questo tempo e dispiace che Mario Draghi abbia esordito in continuità con il lavoro di Conte”. Lo dice la presidente di Fdi Giorgia Meloni in un’intervista a Vista Tv, rispondendo alla domanda sul nuovo Dpcm.

“PIU’ RISORSE E RISTORI SULLA BASE DEL FATTURATO”

Le proposte di Fratelli d’Italia rimangono le stesse: i ristori vengano calcolati sulla base del fatturato e non sui codici Ateco, perché ci sono tante attività che pur non avendo chiuso, non hanno guadagnato nulla. Chiediamo più risorse. Abbiamo inviato al presidente del Consiglio Mario Draghi – aggiunge- una proposta molto seria: abolire l’iniziativa inutile del cashback, la lotteria degli scontrini che vale quasi 5 miliardi di euro, e mettere quelle risorse proprio sul prossimo decreto ristori. Non mi pare una cosa intelligente che il governo italiano abbia speso finora 11 miliardi sui ristori e quasi 5 miliardi sul cashback”.

RITORNO ALLA DAD SEGNO DI UN FALLIMENTO, FARE COME LE MARCHE

Sei milioni di ragazzi stanno per tornare alla didattica a distanza. “È il segno del fallimento delle misure che sono state messe in campo finora. Abbiamo più volte denunciato che sarebbero state insufficienti a fermare il contagio e oggi viene dimostrato”, dice la presidente di Fdi Giorgia Meloni in un’intervista a Vista tv.

La chiusura serale dei ristoranti o la chiusura delle palestre sono stati solo capri espiatori: la priorità era lavorare per potenziare i mezzi pubblici e lavorare contro il rischio nelle scuole. Per esempio la Regione Marche guidata da un esponente di Fdi ha investito alcuni milioni di euro per dotare le classi degli istituti della Regione dell’areazione meccanica controllata, che secondo gli esperti è il modo migliore per rendere l’aria salubre e impedire il contagio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»