Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Tav, Conte: “A breve conferenza stampa”. Ambasciatore francese a Chigi, verso sblocco bandi?

Il premier: "Sono dubbioso, rivelerò la mia posizione in dettaglio tra un po'"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sulla Tav “sono dubbioso, rivelerò la mia posizione in dettaglio tra un po’, probabilmente convoco una conferenza stampa “. Così il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a margine di un evento alla Camera.

La conferenza stampa dovrebbe tenersi alle 17.

AMBASCIATORE FRANCESE A PALAZZO CHIGI, VERSO VIA LIBERA AI BANDI

Il governo si sta orientando per dare il via libera ai bandi di gara che la Telt, la societa’ italo-francese che realizza la Tav, dovrà indire lunedì. E’ quanto risulta all’Agenzia Dire che ha contattato fonti di alto livello.

LEGGI ANCHE: Tav, dal Senato ok a mozione Lega-M5s per ridiscutere il progetto. Conte: “Sono dubbioso”

La cifra in ballo supera i 2 miliardi di euro, ma nei prossimi vertici di governo M5s e Lega ragioneranno, da un punto di vista giuridico, anche sulla possibilità di ridurre l’importo dei bandi. Anche per questo il premier Giuseppe Conte incontrerà Mario Virano, il dg di Telt, nelle prossime ore.

Questa mattina l’ambasciatore francese, Christian Masset, ha avuto un breve colloquio con il premier Giuseppe Conte, ma uscendo dalla sede del governo non si è voluto sbilanciare davanti ai fotografi e al cronista della Dire che gli chiedevano degli ultimi svluppi sulla Tav, ha detto “E’ bellissimo stare in Italia”, sfoderando il suo sorriso.

Il via libera ai bandi non significa certo che il governo ha deciso di confermare la Tav. Ma e’ un primo passo. Non a caso la Lega ha tenuto a precisare che il via libera ai bandi significa che l’opera si fara’. Intanto il governo prende tempo. Con la procedura scattano sei mesi di tempo per recedere senza penali. Nel frattempo ci saranno le elezioni europee, forse il referendum sull’opera e l’interlocuzione con la Commissione europea e la Francia.

Si perchè l’Italia, come si legge nella nota della presidenza del Consiglio, vuole ridiscutere in un bilaterale con Macron “il tema del criterio di ripartizione dei finanziamenti del progetto tra Italia, Francia e Unione Europea”.

Il via libera ai bandi potrebbe essere l’oggetto della conferenza stampa convocata dal premier Giuseppe Conte, oggi pomeriggio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»