Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Pediatria, edizione del 7 marzo 2019

https://www.youtube.com/watch?v=IbLi8NBHyjc&feature=youtu.be A BOLOGNA IL 75ESIMO CONGRESSO ITALIANO DI PEDIATRIA Dal 29 maggio all'1 giugno avrà luogo a Bologna il 75esimo congresso della
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

A BOLOGNA IL 75ESIMO CONGRESSO ITALIANO DI PEDIATRIA

Dal 29 maggio all’1 giugno avrà luogo a Bologna il 75esimo congresso della Società italiana di pediatria. Lo presenta alla Dire Alberto Villani, presidente della Sip.

TRAUMI, PSICOLOGI A PEDIATRI: ATTENZIONE SIA A LUNGO TERMINE

“Ogni individuo elabora il trauma in tempi specifici e i minori hanno, a loro volta, una tempistica diversa rispetto a quella degli adulti”. Parte da qui Fulvio Giardina, presidente del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi, per spiegare il valore dei protocolli d’intesa firmati con la Protezione civile per la divulgazione culturale della gestione delle emergenze. Un impegno che spingerà i due enti pubblici a promuovere dei corsi diretti anche ai pediatri. Giardina ricorda quanto accadde nei reparti di Pediatria dopo il terremoto di Augusta in Sicilia.

20% MALATTIE RARE IN ETÀ PEDIATRICA, QUALI ESAMI SI POSSONO FARE

In base ai dati diffusi dal Registro nazionale malattie rare dell’Istituto Superiore di Sanità, in Italia si stimano 20 casi di malattie rare ogni 10.000 abitanti, e ogni anno sono circa 19mila i nuovi casi segnalati dalle oltre 200 strutture sanitarie diffuse in tutta la Penisola. Il 20% delle patologie riguarda pazienti in età pediatrica, tra i quali le malattie rare che si manifestano con maggiore frequenza sono le malformazioni congenite (45%) e le malattie delle ghiandole endocrine, della nutrizione, del metabolismo e disturbi immunitari (20%). A chiarire quali siano gli esami a cui è possibile sottoporre i piccoli pazienti è Andrea Bartuli, presidente della SIMGePeD.

SIMPEF: BENE AVVIO DISCUSSIONE PER RINNOVO CONTRATTO NAZIONALE

“Il nuovo coordinatore Sisac, Antonio Maritati, ha trasmesso un’impressione positiva circa l’impegno di lavorare per raggiungere rapidamente un accordo. Sono già stati calendarizzati i prossimi incontri per il 13 marzo e il 9 aprile”. Lo fa sapere Rinaldo Missaglia, segretario generale Simpef, sul rinnovo dell’accordo collettivo nazionale della pediatria di libera scelta. Dell’accordo in essere “non risultano pienamente applicati il piano vaccini, il piano delle cronicità, l’accesso improprio al Pronto soccorso, le liste di attesa e l’appropriatezza. Questo- conclude il segretario generale- perché praticamente in nessuna Regione si sono ancora attivate le procedure per la stipula degli accordi integrativi regionali che conseguono, dandone forma attuativa, alle proposizioni normative ricomprese nell’accordo collettivo nazionale “.

A MATERA INCONTRO SU NEUROLOGIA PEDIATRICA E NEONATOLOGIA

Sabato 9 marzo a Matera, nell’auditorium dell’ospedale Madonna delle Grazie, il dipartimento materno infantile dell’Asm ha organizzato il secondo evento formativo del 2019 sulla neurologia pediatrica e la neonatologia. Verranno presentati e discussi tre casi clinici di interesse congiunto con l’otorinolaringoiatria sull’otite media acuta, sui corpi estranei delle vie respiratorie e sulla cellulite orbitaria. Quest’ultima è un’infiammazione e infezione della regione orbitale e coinvolge l’area anteriore del setto orbitario, che può interessare anche le strutture posteriori del setto.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»