Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Saviano a Salvini, brindisi alla Gomorra: “Biv, famm’ capì…”

Ieri lo sfotto' ironico del leader leghista, oggi la replica dello scrittore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Roberto Saviano cita Gomorra per brindare idealmente con Matteo Salvini. Ieri lo sfotto’ ironico del leader leghista, che in alto i calici, dai social brindava alla vittoria elettorale con dedica a Roberto Saviano, a Fabio Fazio e ad altri simboli della sinistra come Vauro e i 99 Posse, Gad Lerner e Saverio Tommasi. “Baci e abbracci”, scriveva il leghista.




Oggi la replica per le rime dello scrittore napoletano, dalla prima Gomorra televisiva. Roberto Saviano cita un passo del singolare giuramento che il boss Pietro Savastano impone a Ciro Di Marzio. “Bevi devo capire se mi posso fidare di te”, dice Savastano nella serie, porgendo all’affiliato camorrista un calice dove ha preventivamente e copiosamente urinato. In dialetto napoletano, come scrive Saviano a Salvini: “Biv Matte’, famm’ capì si me pozz’ fida’ ’e te! (cit.)”. Per la cronaca, nella fiction tv Di Marzio, seppur con qualche motivata perplessita’, beve. Savastano si puo’ fidare.


matteo salvini


Matteo Salvini eletto senatore in Calabria

6 marzo 2018
Nessun commento

Essendo stato candidato come capolista in più regioni, dovrà optare per il collegio plurinominale dove ha ottenuto la minore percentuale utile per avere un seggio. Ed il collegio è quello plurinominale Calabria 01


Leggi Tutto »

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»