Migranti, in Ungheria richiedenti asilo detenuti per legge

ROMA - Una misura "illegittima", che "calpesta i principi guida dell'Unione Europea": così Amnesty International sulla legge approvata oggi dal
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una misura “illegittima”, che “calpesta i principi guida dell’Unione Europea”: così Amnesty International sulla legge approvata oggi dal parlamento dell’Ungheria che dispone la detenzione dei migranti richiedenti asilo. Nel testo licenziato dai deputati si stabilisce che “in futuro i migranti irregolari dovranno attendere il verdetto sulla richiesta di asilo in apposite zone di transito presso il confine“.

Sulla base delle norme, già introdotte nel 2013 ma poi revocate su richiesta e pressioni dell’Ue, dell’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr) e della Corte europea dei diritti dell’uomo, i migranti saranno concentrati nei pressi delle frontiere con Serbia e Croazia. Secondo le statistiche di polizia, nel 2016 i richiedenti asilo in Ungheria sono stati 29.432. Appena 425, a Budapest, le domande accolte. Dal primo gennaio, gli arrivi sono stati invece 345.

L’Ungheria è guidata dal governo nazionalista di Viktor Orban, ideatore della barriera di filo spinato al confine con la Serbia, senza remore nel dichiarare ora che la nuova legge è “apertamente anti-Ue”.

di Vincenzo Giardina


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»