Caporalato. Assessore Leo incontra parlamentari pugliesi

BARI - Questa mattina l’assessore al Lavoro Sebastiano Leo, con le
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

caporalatoBARI – Questa mattina l’assessore al Lavoro Sebastiano Leo, con le organizzazioni sindacali e le associazioni datoriali, ha incontrato i deputati e i senatori pugliesi per definire azioni congiunte per l’approvazione in Parlamento del disegno di legge per il contrasto ai fenomeni del lavoro nero e dello sfruttamento del lavoro in agricoltura.
“L’incontro di stamattina – ha detto Leo a margine della riunione – è tappa intermedia di un percorso politico di azioni ed iniziative che la Regione Puglia, insieme ai sindacati e alle organizzazioni datoriali, sta portando avanti in maniera unitaria. Oggi – ha continuato l’assessore – abbiamo dialogato con i parlamentari pugliesi, che ringrazio vivamente per la presenza, condividendo la necessità di una quanto più rapida approvazione del disegno di legge tuttora in discussione al Senato, che tenga conto delle propose di emendamento sollevate dai sindacati. La legge nazionale è strumento essenziale per rendere l’azione regionale più incisiva ed efficace, così come è fondamentale procedere – come giustamente sottolineato dai rappresentanti sindacali – con la stipula dei contratti collettivi provinciali”.
La riunione con i parlamentari – ha continuato l’assessore al lavoro – precede l’importante incontro del 14 marzo con tutti i prefetti di Puglia, i vertici delle Forze dell’Ordine, di INPS ed INAL, mentre il giorno successivo, martedì 15 marzo, incontreremo le organizzazioni datoriali delle agenzie interinali e i sindacati. La scorsa settimana – ha concluso Leo – ho incontrato l’assessore all’agricoltura Leo Di Gioia per studiare insieme forme di applicazione integrale della Legge regionale n. 28 del 2006 e degli indici di congruità, tutte tappe di una intensa road map con un unico obiettivo: contrastare ed arginare il fenomeno del caporalato, prima ancora della stagione estiva”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»