Migranti. M5S ispeziona abitazioni ad Adelfia (Ba): “Condizioni precarie, richiesti gli atti”

BARI - La consigliera regionale della Puglia del M5S Antonella Laricchia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

migrantiBARI – La consigliera regionale della Puglia del M5S Antonella Laricchia e il deputato barese M5S Giuseppe Brescia, hanno effettuato un’ispezione presso le abitazioni private che costituiscono i centri di accoglienza diffusi sul territorio di Adelfia per verificare che la cooperativa rispettasse il progetto e le linee guida del Ministero.
Purtroppo abbiamo dovuto constatare diverse problematiche funzionali delle residenze, anche relative ad aspetti igienico-sanitari – dichiarano i pentastellati – Abbiamo richiesto con urgenza gli atti relativi all’affidamento del progetto alla cooperativa, alla scelta delle abitazioni e alle procedure di controllo. Il Ministero ha impiegato ingenti risorse per questo progetto e pretendiamo che le stesse vengano impiegate correttamente”.
Il Comune di Adelfia nel 2013 ha affidato il progetto SPRAR per l’accoglienza immigrati alla Senis Hospes, una cooperativa già interessata a Roma dalle indagini di Mafia Capitale. La cooperativa infatti, ricordano i pentastellati, percepisce più di 300.000 euro all’anno di soldi pubblici per fornire agli immigrati un’abitazione, tutto il materiale di accoglienza e le attività di formazione e riqualificazione professionale, di tutela psico-socio-sanitaria, di inserimento scolastico con annessi sussidi, di mediazione linguistica culturale e di orientamento legale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»