Albero in festa, 6.000 bambini pronti a piantare nuove piante in città

RAVENNA - Il Comune di Ravenna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

parco dell'alberata firenze

RAVENNA – Il Comune di Ravenna promuove la sostenibilità ambientale, coinvolgendo scuole e famiglie. Sono infatti oltre 50 le iniziative di “Ambiente 2016” per educare, informare e sensibilizzare sul tema, da una migliore gestione dei rifiuti alla mobilità sostenibile, dal risparmio idrico ed energetico alla cura del verde, dalla lotta allo spreco al rapporto tra ambiente e salute. “Fiore all’occhiello”, spiega alla stampa l’assessore all’Ambiente Guido Guerrieri, il “Mese dell’albero in festa” che da ventinove anni sta portando migliaia di bambini delle scuole materne ed elementari a conoscere le pinete e altre zone naturali, con la tradizionale piantumazione di nuovi alberi e i laboratori all’aperto. Quest’anno gli alunni coinvolti saranno 6.000, provenienti da 65 scuole.

Sono previste sette giornate per piantare alberi in varie zone della città, in particolare nell’area verde lungo via Keplero. Quattro saranno dedicate ai laboratori, al concorso “Disegno l’ambiente” e alle giornate ecologiche sulla pulizia del sottobosco. Infine il Mese dell’Albero in Festa rappresenta anche l’occasione per compensare, attraverso la piantumazione di ulteriori 170 alberi, le emissioni di anidride carbonica prodotte durante la manifestazione “Ravenna 2015 – Fare i conti con l’ambiente”.

A questa, prosegue l’assessore Guerrieri, si aggiunge “un insieme articolato di iniziative che durante l’anno si incentreranno su tematiche di grande attualità legate alla sostenibilità ambientale”. L’obiettivo è “coinvolgere tutti per favorire una sempre crescente sensibilità e conoscenza delle tematiche legate alla sostenibilità dello sviluppo che ci coinvolgono quotidianamente ma che vanno affrontate con un’attenzione particolare e lo sguardo rivolto al futuro delle nuove generazioni”. Senza dimenticare il catalogo della mostra “Diversiaria-una innovativa prospettiva sull’aria”, fatta di opere pensate e realizzate dai centri di aggregazione e dai centri diurni e residenziali.

di Cristiano Somaschini, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»