Il clima pazzo ha ‘decimato’ le mimose

GENOVA - "L'inverno pazzo taglia del 30% il raccolto di mimose che da 70 anni esatti sono state
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – “L’inverno pazzo taglia del 30% il raccolto di mimose che da 70 anni esatti sono state scelte come simbolo della festa delle donne, a partire dall’8 marzo 1946, due giorni prima della prima partecipazione femminile al voto dopo la pausa imposta dal fascismo”. E’ quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che la scelta di regalare un fiore era stata fatta in sintonia con quanto avveniva in Francia con le violette, più difficili da conservare e soprattutto più costose, circostanza che fece scegliere a un’ex partigiana la mimosa, conveniente e resistente.

mimosaQuest’anno, segnala quindi la Coldiretti, “un inverno particolarmente mite ha fatto fiorire le piante già a partire dal Natale e la produzione disponibile è stata decurtata di un terzo a causa dell’anticipo di maturazione”. Anche le piante coltivate in terreni altimetricamente più elevati “hanno completato la fioritura prima del previsto e il prodotto disponibile è stato salvato con la frigo conservazione. Si stima comunque- sottolinea la Coldiretti- che saranno almeno 10 milioni i ramoscelli di mimosa regalati in occasione della festa della donna secondo una tradizione che si conserva nel tempo”. I ramoscelli offerti “sono praticamente tutti di produzione nazionale e soprattutto della provincia di Imperia in Liguria dove operano circa 1.500 produttori e si realizza oltre il 90% della produzione nazionale, che per ben il 40% viene destinata all’esportazione sul mercato olandese, ma anche in quello svizzero, francese e del nord Europa”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»