Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lavoro. Venerdì 11 marzo, presentazione del libro “Allenarsi per il futuro”

PERUGIA - Che lavoro faranno i nostri figli? Non lo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

UMBRIA palazzo-doniniBigPERUGIA – Che lavoro faranno i nostri figli? Non lo sappiamo perché quel lavoro non è stato ancora inventato. Certamente è urgente ripensare i modelli didattici e formativi in funzione delle profonde trasformazioni del mercato del lavoro. In che modo la scuola, e modelli didattici innovativi, possono contribuire a sostenere le aspirazioni dei giovani e a trasformare le loro attitudini in modelli vincenti di impresa? Questa è la domanda a cui dare una risposta urgente, e che “Allenarsi per il Futuro. Idee e strumenti per il lavoro che verrà”, prova a individuare. Edito da Rubbettino, il saggio è scritto a quattro mani da Stefano Maria Cianciotta, editorialista e opinionista economico, docente all’Università di Teramo e da Pietro Paganini, esperto di innovazione e sviluppo economico, professore alla John Cabot University,.
Allenarsi per il Futuro sarà presentato a Perugia venerdì 11 marzo, alle ore 16, nel Salone d’Onore di Palazzo Donini, alla presenza oltre che degli autori, della presidente della Regione Catiuscia Marini e del procuratore generale della Repubblica  Fausto Cardella.
 L’evento è promosso dalla Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica insieme con la Fondazione Bosch e il Gruppo di somministrazione Randstad. Con loro ci saranno anche Don Riccardo Pascolini, presidente Forum Oratori italiani, Gianmarco Spinelli, giovane umbro manager a Londra in Bloomberg, Roberto Zecchino, direttore Risorse Umane Bosch e Fabio Costantini, di Randstad. L’introduzione sarà a cura di Alberto Naticchioni, Amministratore Unico della Scuola Umbra, mentre a moderare l’evento sarà il neovicedirettore del Nuovo Corriere Nazionale Massimo Sbardella.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»