Migranti, Gozi: “Con Tirana impegno comune su immigrazione e sicurezza”

“I nostri sforzi vanno nella stessa direzione di quanto si sta facendo in queste ore a Bruxelles per affrontare l’emergenza migranti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Sandro Gozi

L’intesa che storicamente lega l’Italia all’Albania, in questi giorni, è ancora più solida anche in considerazione dell’emergenza migratoria e delle possibili deviazioni sulla rotta adriatica”. Così il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega agli Affari europei, Sandro Gozi, in missione oggi a Tirana dove incontra il Primo Ministro Rama, il Presidente del Parlamento Ilir Meta, il Ministro dell’Integrazione Klajda Gjosha, il Vice Ministro degli Esteri Odeta Barbullushi, il Presidente del Partito Democratico Lulzim Basha e alcuni parlamentari.

“I nostri sforzi vanno nella stessa direzione di quanto si sta facendo in queste ore a Bruxelles per affrontare l’emergenza migranti. In tal senso – ha aggiunto Sandro Gozi – condividiamo con il Governo albanese una linea d’azione comune che contiamo di formalizzare nei prossimi giorni in un Memorandum d’Intesa. L’obiettivo è di favorire lo scambio di informazioni in tempo reale, intensificare la collaborazione operativa, con la partecipazione albanese al pattugliamento marittimo in ambito Triton e la fornitura da parte del Governo italiano di mezzi per rafforzare le capacità di gestione delle frontiere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»