M5S, Esposito (Pd): “Interrogazione sul ‘Grande Fratello’ Casaleggio”

"Il fatto che loro abbiano spiato le comunicazioni elettroniche è molto grave, l'autonomia dei parlamentari non deve essere messa in discussione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

roberto-casaleggio

ROMA – Il senatore del Partito democratico Stefano Esposito è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, la radio dell’università Niccolò Cusano (www.unicusano.it), nel corso del format ‘Ecg Regione’, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio. Esposito ha annunciato che oggi presenterà una interrogazione parlamentare sulla vicenda Casaleggio.

‘Grande fratello’ Casaleggio. Il Foglio ha raccontato documentando il tutto che i parlamentari del Movimento Cinque Stelle sono addirittura stati spiati nella loro posta elettronica, e tutto questo avveniva su ordine di Casaleggio. Questo è stato raccontato da alcuni deputati usciti dal Movimento, ma anche da chi quel sistema lo gestiva, figure tecniche del Movimento. Questo è gravissimo, oggi presenterò un’interrogazione parlamentare al presidente del Consiglio e al ministro degli Interni. Il fatto che loro abbiano spiato le comunicazioni elettroniche è molto grave, l’autonomia dei parlamentari non deve essere messa in discussione e mi chiedo se questo tipo di pratiche sia stato condotto solo nei confronti dei parlamentari del Movimento Cinque Stelle. Chi mi dà la garanzia che non siano stati spiati anche altri parlamentari?“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»