In Liguria sotto esame 285 gallerie autostradali

I controlli rientrano all’interno di un piano nazionale che riguarda 587 gallerie. L'investimento è di 70 milioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

GENOVA – Sono 285 le gallerie delle rete autostradale ligure in corso di monitoraggio da parte della direzione di tronco di Genova. I controlli rientrano all’interno di un piano nazionale che riguarda 587 gallerie, attraverso l’impiego di 200 tecnici ogni notte e grazie a un investimento di 70 milioni.

La prima fase del piano di sorveglianza avviata a gennaio, spiega una nota di Autostrade per l’Italia, viene svolta da un consorzio di società esterne specializzate in attività di monitoraggio delle infrastrutture, composto dalla multinazionale Bureau Veritas e dalle imprese di ingegneria Proger, Tecno Lab, Tecno-Piemonte. Le ispezioni sono state pianificate partendo dalle gallerie più datate, realizzate prima degli anni ’80, e costruite senza impermeabilizzazione. Questa fase prevede una prima ispezione di tutti i fornici, per esaminare lo stato del calcestruzzo, verificare le canaline posizionate e l’ancoraggio degli impianti. Sulla base dei primi riscontri, qualora necessario, vengono effettuati gli interventi di ripristino. Finora sono state controllate 135 gallerie e le operazioni saranno concluse entro metà marzo. Successivamente, per ognuna delle 587 gallerie viene avviata una seconda fase di controlli, anticipata dal lavaggio della calotta delle gallerie. Poi si passa a rilievi in profondità attraverso anche l’utilizzo di georadar e laser scanner, per una vera e propria radiografia della struttura. Conclusa l’analisi di tipo strumentale e documentale, i tecnici procedono a una nuova ispezione visiva e acustica delle gallerie, con percussione a mano del rivestimento e confronto digitale dello storico delle ispezioni. A quest’opera, che si concluderà entro fine anno, si dedica un pool di società specializzate in monitoraggi e controlli delle gallerie composto dal Gruppo Lombardi, Sws Engineering e Rocksoil. Per limitare gli effetti sul traffico, gli interventi vengono organizzati prevalentemente durante l’orario notturno, con interruzioni della viabilità dalle 22 alle 6.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»