Roma, la cultura cresce in periferia: ecco la biblioteca a San Basilio

biblioteca-san-basilio2
ROMA - La scuola paritaria Zaveria Cassia avrà una nuova biblioteca, su iniziativa del dirigente scolastico Alessandro Capponi. Oggi è
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La scuola paritaria Zaveria Cassia avrà una nuova biblioteca, su iniziativa del dirigente scolastico Alessandro Capponi. Oggi è stata inaugurata alla presenza, tra gli altri, della presidente del IV Municipio di Roma, Roberta Della Casa: “Siamo qui in questa stupenda scuola a inaugurare una nuova biblioteca aperta ai ragazzi della scuola e del territorio”, ha detto all’agenzia Dire. 

Leggi anche: Roma, paritaria inaugura biblioteca a San Basilio: aperta al quartiere

“È momento importante”, ha detto ancora, parlando di “cultura che cresce in periferia” e del fatto che “dobbiamo investire sulla cultura e sul loro futuro dei ragazzi e questo è un buon passo”. 

Per una volta qualcuno sceglie di spostarsi e di investire in periferia: “Credo che gli esempi negativi riportati dai media sono una minoranza anche se fanno molto rumore- ha detto ancora- Nelle periferie c’è una grande comunità che ha voglia di riscatto e di unirsi anche per obiettivo comune che è quello di riqualificare il territorio. Sono le persone che fanno la differenza. Questo di oggi è il primo passo di uno sviluppo, la periferia ha bisogno di crescere ma si cresce tutti quanti insieme in questo modo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»