Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

È ‘guerra’ tra Francia e Italia, Parigi richiama l’ambasciatore

Non bastavano i conflitti all'interno della maggioranza di Governo. Ora è scoppiata pure la 'guerra' tra Francia e Italia. E
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Non bastavano i conflitti all’interno della maggioranza di Governo. Ora è scoppiata pure la ‘guerra’ tra Francia e Italia. E non è uno scherzo. Parigi ha richiamato in patria il suo ambasciatore per consultazioni. Non succedeva dalla fine della Seconda Guerra mondiale. Un segnale preciso, che a livello diplomatico è un vero e proprio allarme rosso.

Vero che il presidente Macron non ha avuto parole tenere nei confronti del Governo italiano e dei populisti, a livello europeo e di quelli che abbiamo in casa nostra. Che hanno scatenato la reazione del M5S, fino al clamoroso incontro tra il vicepremier Luigi Di Maio e la sua pattuglia di fedeli con i rappresentanti dei ‘gilet gialli’ francesi, i nemici del presidente Macron che da settimane stanno mettendo a ferro e fuoco le città francesi. Forse è stato questo incontro la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Non ci aspettano mesi facili, anzi. Questo clima di guerra rischia di farci male, non siamo un Paese che può fare a meno degli alleati. Lo ha capito Matteo Salvini, leader della Lega, che indossando subito i panni del presidente del Consiglio (che finora è rimasto in silenzio) ha dichiarato di esser pronto ad incontrare Macron.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»