Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rivolta social contro i due che hanno sparato a Bortuzzo: insulti e minacce su facebook

ROMA - "Fate un grandissimo favore all'umanità, al mondo e all'Italia. Suicidatevi". Mentre la giustizia dei Tribunali si mette in moto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Fate un grandissimo favore all’umanità, al mondo e all’Italia. Suicidatevi“. Mentre la giustizia dei Tribunali si mette in moto per giudicare Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, i due rei confessi dell’agguato all’Axa a colpi di pistola che ha gravemente ferito la promessa del nuoto Manuel Bortuzzo, la giustizia dei social ha già la sua sentenza. I due sono in carcere da ieri sera con le accuse di tentato omicidio e detenzione d’arma. Su Facebook, in poche ore, le bacheche dei due 25enni arrestati sono state subissate di insulti, maledizioni, minacce e commenti da parte di utenti di ogni età.

Leggi anche VIDEO | In carcere i due sospettati per agguato a Manuel Bortuzzo: “Abbiamo sparato per errore”

Entrambi di Acilia, incensurati ma vicini alla mala locale, i due hanno confessato l’agguato: “Pioveva, era buio, è stato un errore”. A sparare, ‘sull’errato bersaglio’ è stato Marinelli, mentre Bazzano era alla guida dello scooter piombato su Manuel e la sua fidanzata intenti ad acquistare sigarette ad un distributore automatico.

“Con questo tuo gesto- scrive una donna sulla bacheca di Marinelli- hai rovinato la vita a due poveri innocenti: a quel povero ragazzo che purtroppo non potrà più camminare, e a tuo figlio appena nato”. “Ti auguro ti passare quello che sta passando Manuel”, aggiunge qualcuno. “Dovete marcire in galera e subire le umiliazioni peggiori tu e il tuo compare”, si legge tra le centinaia di commenti il cui numero continua ad aumentare in queste ore. “Queste parole- si legge in un altro post- sono rivolte a te che hai premuto quel grilletto: spero che la vita da ora in poi per te possa essere maledetta, piena di sofferenze e infinito dolore”.

“Quando sparavi ti sentivi un grande vero? E ora piangi come un cagnolino! Nei lunghi anni di galera che hai davanti avrai modo di pensare alla stronzata che hai fatto, al figlio che non crescerai e che spero ti rinnegherà per sempre”, si legge ancora. Sulla bacheca Facebook di Daniel Bazzano, centinaia di commenti hanno lo stesso tono, se non peggiore: “Il viso di quel povero ragazzo che hai rovinato per sempre sia sempre davanti ai tuoi occhi e non ti lasci mai dormire”. Oppure: “Voglio vederti agonizzare” e tra i peggiori auguri sono in tanti a scrivere: “Avete rovinato per sempre la vita di un povero innocente, ve ne rendete conto?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»