Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rasi: “Tamponi rapidi deboli per Omicron, i contagi saliranno ancora”

tampone coronavirus
L'ex direttore di Ema e consulente di Figliuolo: "I numeri saranno spaventosamente alti e veloci. Sarebbe servito un piano di rinforzo sui test"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se fossimo già in ambiente completamente Omicron potremmo decidere di prendere provvedimenti sostanzialmente diversi da quelli presi per la Delta. Perché i numeri saranno spaventosamente veloci e spaventosamente alti. Quindi è un’onda d’urto che va gestita in maniera un po’ diversa”. Queste le parole del professor Guido Rasi, ex direttore dell’Agenzia europea dei medicinali (Ema) e consulente del commissario all’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo, ad Agorà su Rai 3.

LEGGI ANCHE: Covid, Iss: “In Italia Rt in forte aumento e incidenza nuovi casi raddoppiata”

LA DEBOLEZZA DEI TEST ANTIGENICI

“Gli scenari sono tutti possibili – ha sottolineato Rasi – Quello che è reale è che questi numeri, gli oltre 200mila contagi di ieri, sono destinati a salire ancora e sono ampiamente sottostimati per il problema della bassa resa dei test antigenici che erano stati fatti per altri tipi di varianti e che con la Omicron mostrano tutta la loro debolezza”. Per l’esperto, dunque, “l’unica soluzione per ora è il molecolare. Oggettivamente non è stato fatto un piano di rinforzo come era facile intuire sarebbe servito“.

LEGGI ANCHE: Mattarella: “Sofferenze e incertezze da Covid si affrontano tutti uniti”

“OBBLIGO VACCINALE PER OVER 50? È STATO UN COMPROMESSO POLITICO”

Sull’obbligo vaccinale per gli over 50 stabilito dal Governo, il consulente di Figliuolo ha puntualizzato: “Se è un obbligo mi sembra più di compromesso politico che di numeri epidemiologici. L’obbligo si fa o non si fa, a questo punto. Tra un 49enne e 6 mesi e un 50enne non ho capito come il virus discrimini…”, ha ricordato Rasi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»