Vaccino, Anelli: “Sia data priorità a tutti i medici”

vaccino covid
"Con l'approvazione da parte di Aifa del vaccino di Moderna, da oggi abbiamo un'arma in più per combattere il Covid-19" dichiara il presidente dell'Ordine dei medici di Bari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Stiamo riscontrando sul territorio una difformità nelle priorità di somministrazione dei vaccini che sta creando sconcerto tra gli operatori. Abbiamo ricevuto segnalazioni che in alcune strutture sono stati somministrati vaccini a operatori di una cooperativa di pulizie che lavora per la Asl e ai loro parenti stretti, i quali correttamente lo hanno comunicato al proprio medico di famiglia, che suo malgrado non era stato vaccinato”. È quanto dichiara Filippo Anelli, presidente dell’Ordine dei medici di Bari, che invita “l’assessore Lopalco a dare precise disposizioni per eseguire il vaccino prioritariamente a tutti i medici, inclusi odontoiatri e liberi professionisti”. “Con l’approvazione da parte di Aifa del vaccino di Moderna, da oggi abbiamo un’arma in più per combattere il Covid-19.

A differenza di quello di Pfizer, consente condizioni di conservazione a temperature standard di refrigerazione e potrà quindi essere somministrato anche dai medici di famiglia e dai pediatri”, aggiunge Anelli convinto che la vaccinazione potrà “ampliare il numero dei medici vaccinatori e avviare la fase di somministrazione alla platea dei pazienti piu’ fragili, come anziani e malati cronici. Perché ciò avvenga è essenziale che i medici di famiglia e i pediatri di libera scelta vengano subito vaccinati”, conclude.

LEGGI ANCHE: Anelli: “I no vax? Sono la negazione della medicina”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»