Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Arcuri: “Per l’immunità di gregge serve vaccinare 48 milioni di italiani”

"Da febbraio saranno pronti i vaccini da somministrare a persone con più di 80 anni" dichiara il commissario per l'emergenza in conferenza stampa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La situazione complessivamente è ancora critica, non siamo ancora fuori dal tunnel”. Così il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri in conferenza stampa. 

Per quanto riguarda la campagna vaccinale in atto ha poi dichiarato: “Abbiamo detto che nella prima fase l’obiettivo è almeno di vaccinare 65-67 mila persone al giorno. Mi pare che ci stiamo riuscendo, anzi stiamo anche superando l’obiettivo”.
“Nel corso della prossima settimana arriveranno i primi vaccini Moderna. Inizialmente saranno molto pochi, poi cresceranno. Saranno portati a Pratica di Mare, da lì li distribuiremo con l’aiuto delle Forze armate. La messa a regime avverrà dalla seconda settimana di distribuzione”, spiega nel corso della conferenza stampa Arcuri.

ARCURI: DA FEBBRAIO VACCINO A OVER 80

“Da febbraio saranno pronti i vaccini da somministrare a persone con più di 80 anni”, prosegue Arcuri. Inoltre, nella seconda categoria di vaccinazioni – precisa – rientreranno “anche alcune categorie fragili come i disabili e gli accompagnatori”.

PER ESPERTI NE SERVONO 48 MLN PER IMMUNITÀ GREGGE ITALIA

“Per gli esperti l’immunità di gregge si raggiunge in Italia vaccinando 48 milioni di persone”. Inoltre nella seconda categoria di vaccinazioni, precisa, rientreranno “anche alcune categorie fragili come i disabili e gli accompagnatori”.

INGENEROSO CONFRONTO COL COLERA, NON CI SONO TANTE DOSI

Se mi procurate 900mila dosi di vaccino, tra meno di una settimana ci saranno 900mila italiani vaccinati dimostrando che saremo stati più bravi di quanto fatto col colera. Ma 900mila dosi non ci sono, chi fa questi confronti è ingeneroso”, sottolinea il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri nel corso della conferenza stampa. 

“VACCINO NUOVO PARAMETRO REGIONI? NON SERVE, RT CALERÀ DA SOLO”

“La coperta vaccinale come parametro per valutare l’andamento della pandemia? Non è mia competenza rispondere – dichiara ancora Arcuri – ma faccio qualche considerazione: quanto più sarà coperta la popolazione, tanto più basso sarà l’RT, e non servirà inserire questo parametro”.

 “RIPRESA RT IN ATTO, METTO NEL CASSETTO CONGELAMENTO CURVA

“La ripresa di RT è in atto, quindi ho messo nel cassetto il congelamento della curva, spero di poterlo riprendere presto con l’effetto delle misure 23 dicembre-6 gennaio”. Intanto, precisa: “È presto per valutare gli effetti delle chiusure, che auspichiamo positivi, disposte nelle ultime 3 settimane. I nostri esperti dicono che cominceremo a vederne la portata dalla prossima settimana”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»