Scuola, Lopalco: “Subito vaccini per gli operatori”

Pierl Luigi Lopalco
"Se vogliamo davvero impattare sulla sicurezza nell'ambiente scolastico, iniziamo a proteggere chi ci lavora"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI –  “Non esistono dati certi sul ruolo della didattica in presenza sulla circolazione virale e il tema scuole è politicamente estremamente sensibile perché impatta sulla vita di ogni famiglia”. È quanto scrive l’assessore regionale alla Sanità, della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco in un post pubblicato su Facebook. “Se vogliamo davvero impattare sulla sicurezza nell’ambiente scolastico, iniziamo a proteggere chi ci lavora – aggiunge – Come per gli operatori sanitari, se vogliamo garantire il mondo della scuola vacciniamo subito gli operatori scolastici”. “”È stato appena approvato il vaccino Moderna e presto arriverà il vaccino AstraZeneca. Da febbraio potremo avere maggiori disponibilità di vaccino e avremo già messo in sicurezza il sistema sanitario avendo concluso la fase 1 – continua – Iniziamo la fase 2 della campagna vaccinale dalla scuola. Vaccinare gli insegnanti in estate avrà poco senso, visto che i risultati si avrebbero nell’anno scolastico 2021-22 quando, si spera, le ondate pandemiche saranno solo un brutto ricordo”. Per l’epidemiologo sottoporre a vaccinazione il personale scolastico avrebbe diversi vantaggi: “Proteggere una popolazione a rischio di contagio e con molti portatori di fragilita’, limitare i focolai scolastici, evitare l’interruzione dell’attivita’ scolastica in presenza di uno o piu’ studenti positivi e creare dei “blocchi” nelle catene di trasmissione che passano per la scuola”. “L’unica vera sicurezza contro il virus e’ la vaccinazione. Se davvero teniamo alla scuola – conclude Lopalco -, proteggiamola nella sua componente piu’ importante”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»