Niger, il campo dei richiedenti asilo vicino Agadez distrutto in un rogo

L'Unhcr: "Temiamo che il rogo del campo sia orchestrato da alcuni trafficanti di esseri umani che temono di perdere i loro guadagni"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Del sito umanitario per rifugiati e richiedenti asilo sudanesi nei pressi di Agadez, in Niger, non e’ rimasto quasi piu’ nulla: domenica qualcuno ha appiccato le fiamme e l’80 per cento dei prefabbricati che accoglievano 1.500 persone, tra cui anche donne e 89 minori, sono stati ridotti in cenere. A riferirlo all’agenzia Dire e’ Alessandra Morelli, responsabile dell’ufficio dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) in Niger, Paese crocevia dei migranti che dall’Africa tentano di raggiungere l’Europa attraverso la Libia.

Il rogo e’ divampato in seguito a scontri tra un gruppo di residenti e le forze dell’ordine: come riferiscono fonti di stampa internazionali, il 16 dicembre i residenti avevano lasciato il campo alla volta di Agadez per protestare di fronte alla sede di Unhcr contro condizioni di vita difficili nel campo e per chiedere di essere trasferiti al piu’ presto. Il sito e’ stato istituito dal governo ma e’ l’Unhcr a gestire l’intervento umanitario e le pratiche burocratiche.

Il 4 gennaio le autorita’ avevano ordinato lo sgombero del sit-in e caricato a forza i dimostranti sulle camionette. Una volta ricondotti nel centro di transito, come confermano fonti di stampa internazionali, sono iniziati gli scontri con gli agenti della sicurezza, quindi l’incendio, dopo il quale 335 richiedenti asilo di nazionalita’ sudanese sono stati arrestati.

“E’ un disastro. Davanti a me vedo solo desolazione” riferisce Morelli, contattata durante la visita nel campo. “Unhcr condanna con forza questo gesto: potevano morire famiglie con bambini”. Prosegue la responsabile: “Comprendiamo la frustrazione di queste persone, ma avevamo spiegato piu’ volte che stiamo lavorando duro per migliorare la loro situazione”.

Morelli riferisce che ad aver appiccato le fiamme sono stati alcuni membri del movimento di protesta: “Hanno perso la testa, dopo che si e’ infranto il loro sogno di venire in Europa. Ma col loro gesto hanno rovinato la vita ai loro stessi connazionali”

Secondo Morelli, “molti sono rimasti intossicati, e’ bruciata molta plastica. Ora sul posto sono arrivati i medici mobilitati dal ministero della Sanita’ insieme agli psicologi delle organizzazioni umanitarie”.

Un attivista locale per i diritti umani, sempre contattato dalla Dire, riferisce che a spingere i richiedenti asilo alla protesta e’ “il limbo in cui si trovano da mesi. Alcuni sono bloccati nel campo addirittura da due anni”. Secondo l’uomo, che dice di non voler rivelare la sua identita’ per timore di essere arrestato, “molte richieste d’asilo sono andate perdute. Queste persone non sanno che futuro li attende, non hanno risposte”.

L’attivista aggiunge: “Il campo si trova a 15 chilometri da Agadez e non c’e’ modo di raggiungere la citta’ se non andando a piedi attraverso il deserto. Denunciano di soffrire il caldo forte e il freddo, di ricevere poco cibo, 25 litri di acqua al giorno, scarse cure mediche e pochi posti letto. Molti dormirebbero a terra”.

Una situazione difficile, di cui pero’ l’Unhcr si dice piu’ che consapevole: “Il benessere psicofisico degli ospiti del campo e’ la nostra priorita’” assicura la rappresentante dell’agenzia Onu: “Queste persone ricevono tre pasti quotidiani sono ospitate in casette prefabbricate da tre a cinque posti e nel campo, oltre ai nostri operatori, lavorano tante organizzazioni umanitarie – tra cui Coopi, Medu e Intersos – che forniscono supporto medico e psicosociale. Parliamo di persone salvate dai campi di detenzione in Libia, che hanno subito violenze, o che fuggono da Paesi in conflitto”.

Quanto all’acqua, dice Morelli, “purtroppo siamo nel deserto e fatichiamo a trovare pozzi. Riforniamo il campo con i camion cisterna, quando i pozzi che scaviamo si esauriscono. Prima del rogo avevamo trovato i fondi per un progetto con le autorita’ per costruire 40 chilometri di tubature, per portare l’acqua direttamente dalla citta’”. Inoltre, prosegue la responsabile, “nessun dossier si e’ perso. Sono due anni che lavoriamo su questi documenti. Sono altre le ragioni dei tempi di attesa cosi’ lunghi”.

Come spiega Morelli, il governo del Niger ha impiegato tempo a identificare queste persone, “si doveva avere la certezza che non si trattasse di combattenti mercenari o trafficanti in fuga dalla Libia”. Quanto all’Unhcr, che gestisce i ricollocamenti verso l’Europa o i Paesi terzi, “bisogna attendere il via libera dei governi. Ad esempio, e’ in programma per il mese prossimo un corridoio umanitario verso l’Italia organizzato con la Caritas per 50 rifugiati, tra cui ci sono minori e donne in condizione di vulnerabilita’”.

Stando alla rappresentante, “le proteste di questi giorni sono state organizzate dai richiedenti asilo di origine sudanese che chiedono di essere portati in Europa. Capisco la loro frustrazione, ma il reinsediamento non e’ una soluzione per tutti, presenta criteri molto precisi”. Questo perche’, sottolinea Morelli, “dipende dalle quote che ogni Stato membro fissa per i ricollocamenti”. Il Niger inoltre “ha offerto ai richiedenti asilo di restare e noi possiamo seguirli attraverso programmi di inclusione sociale e lavorativa”.

Quindi la responsabile di Unhcr dichiara: “Temiamo che il rogo del campo sia orchestrato da alcuni trafficanti di esseri umani che temono di perdere i loro guadagni sul trasporto dei migranti in Europa attraverso la Libia. Centinaia di persone e famiglie sono rimaste senza nulla. Ora siamo al lavoro per trovare loro nuove sistemazioni”. Infine, sugli arrestati. “Ci siamo attivati per mediare” dice Morelli. “Speriamo che gli innocenti vengano rilasciati”.

AGADEZ, ATTIVISTI: “ONU CONDANNI SGOMBERO SIT-IN MIGRANTI”

“E’ molto grave che l’Unhcr non abbia condannato lo sgombero forzato di un sit-in pacifico ad Agadez, di fronte la propria sede, a cui hanno partecipato centinaia di richiedenti asilo sudanesi. Teniamo a sottolineare che i dimostranti si sono comportati in modo pacifico, in quasi venti giorni in cui hanno protestato per i loro diritti”. Così all’agenzia Dire Alessandra Accardo, della campagna LasciateCIEntrare, organizzazione italiana che si batte per i migranti e che di recente è stata in missione in Niger, dove non sono riusciti a prendere visione delle condizioni dei richiedenti asilo nel campo allestito dalle autorità a 15 chilometri da Agadez, in cui opera anche l’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr). Sabato scorso le autorità nigerine hanno ordinato lo sgombero di un sit-in organizzato dagli ospiti del campo. Alla Dire la responsabile dell’agenzia Onu in Niger, Alessandra Morelli, ha espresso forte rammarico per l’accaduto: “Condanniamo con forza le violenze. Capiamo che queste persone vogliano venire in Europa, ma i ricollocamenti non sono accessibili per tutti”. Alla Dire, la portavoce di LasciateCIEntrare ha replicato: “Torniamo a ribadire che siamo contrari alle politiche europee di esternalizzazione delle frontiere. Se l’Unhcr accetta di lavorare in un campo del genere dimostra di accettare le politiche dell’Unione europea volte a bloccare l’immigrazione dall’Africa. Noi invece chiediamo che alle persone sia consentito di viaggiare ovunque vogliano, ottenendo documenti e visti regolari, così come possiamo fare noi europei”. 

La referente di LasciateCIEntrare, in contatto con attivisti nigerini nel Paese, riferisce inoltre che le 335 persone arrestate dalla polizia “per occupazione del suolo pubblico durante il sit-in e per l’incendio doloso rischiano dai 20 ai 30 anni di reclusione”. Inoltre, prosegue, “dal momento che in Niger sono le famiglie a portare i pasti ai detenuti ci chiediamo chi potrà occuparsi ora di questi prigionieri”. Ancora più preoccupante sarebbe “la volontà di queste persone di preferire il ritorno in Libia, con tutti i rischi che comporta, a questa vita nel nulla, senza prospettive. In molti ce lo hanno riferito nel corso della nostra visita”. In conclusione l’organizzazione chiede che ai detenuti siano garantiti i pasti, le cure mediche e soprattutto l’assistenza legale. Infine si fa appello affinché sia data loro la possibilità di raggiungere l’Europa “attraverso canali regolari e sicuri”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»