Clima, Cnr Isac: “Con il 2019 si chiude il decennio più caldo di sempre in Italia”

"Con dicembre sono otto i mesi del 2019 che rientrano nella 'top 10' delle rispettive classifiche mensili"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Con il secondo dicembre piu’ caldo dal 1800 ad oggi per l’Italia (+1.9 gradi di anomalia rispetto alla media del periodo di riferimento 1981-2010) il 2019 chiude con un’anomalia di +0.96 gradi sopra media, risultando il quarto anno piu’ caldo per il nostro Paese dal 1800 ad oggi, preceduto dal 2014 e 2015 (+1 grado sopra media) e dal 2018 (l’anno piu’ caldo con un’anomalia di +1.17 gradi rispetto alla media del periodo di riferimento 1981-2010)”. Cosi’ in una nota Michele Brunetti, responsabile della Banca dati di climatologia storica dell’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Isac) di Bologna.

“Con dicembre sono otto i mesi del 2019 che rientrano nella ‘top 10′ delle rispettive classifiche mensili- prosegue Brunetti- marzo (nono piu’ caldo, +1.48 gradi), giugno (secondo piu’ caldo, +2.57 gradi), luglio (settimo piu’ caldo, +1.29 gradi), agosto (sesto piu’ caldo, +1.42 gradi), settembre (decimo piu’ caldo, +1.27 gradi), ottobre (quarto piu’ caldo, +1.56 gradi), novembre (decimo piu’ caldo, +1.33 gradi)”. Con il 2019 si chiude “anche il secondo decennio del nuovo millennio, risultando il piu’ caldo da quando abbiamo osservazioni disponibili per l’Italia”.

Analogamente a quanto e’ accaduto a scala globale, “anche per l’Italia ognuno degli ultimi quattro decenni e’ risultato essere piu’ caldo del decennio precedente, evidenziando un persistente segnale verso un continuo incremento delle temperature- conclude il ricercatore- dal 1980 ad oggi la temperature in Italia e’ cresciuta mediamente di 0.45 gradi ogni decennio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»