Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

“Ricercatori determinati”, dottorandi lucani aderiscono alla mobilitazione nazionale

"Abbiamo deciso di reagire, pretendendo un rifinanziamento pubblico dell’università che migliori le condizioni di studio e di lavoro in questo settore"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Un “decoroso e doveroso” rifinanziamento pubblico dell’Università; una riforma immediata del reclutamento e del pre-ruolo, eliminando le forme di precariato e para-subordinazione; un radicale ripensamento del vigente sistema di valutazione della ricerca; l’aumento per almeno 200 milioni del Fondo integrativo statale per il diritto allo studio, così da garantire borse di studio, alloggi e residenze. Sono queste le richieste dei dottorandi e dei dottori di ricerca in Basilicata che, con il sostegno della Flc Cgil e la partecipazione del Consiglio degli studenti dell’Università degli studi della Basilicata, aderiscono alla mobilitazione nazionale indetta da “Ricercatori determinati”.

Giovedì 9 gennaio, alle 12, è previsto un incontro nella Biblioteca centrale d’Ateneo nella sede universitaria di via Nazario Sauro, a Potenza. “Le dimissioni di Fioramonti – hanno affermato i promotori dell’iniziativa – hanno denunciato una drammatica situazione: scuola, università e ricerca sono ridotte in miseria.

A partire dal 2008 l’investimento pubblico sull’università ha perso 1,5 miliardi di euro; solo l’11% di studenti e studentesse beneficia di una borsa di studio; solo il 6% di fuorisede usufruisce di un posto alloggio e meno del 10% di chi ha un assegno di ricerca attualmente in servizio riuscirà ad ambire alla posizione di docente associato, dunque il 90% del corrente personale di ricerca sarà espulso dall’università. A tutto questo – hanno spiegato – abbiamo deciso di reagire, pretendendo un rifinanziamento pubblico dell’università che migliori le condizioni di studio e di lavoro in questo settore”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»