Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sicurezza, i Vigili del Fuoco divisi…sulla divisa di Salvini

ROMA - Divisi sulle divise. I vigili del fuoco dell'Usb, agguerrita sigla sindacale innescano un incendio di polemiche con la
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Divisi sulle divise. I vigili del fuoco dell’Usb, agguerrita sigla sindacale innescano un incendio di polemiche con la denuncia per porto abusivo di divisa del ministro Matteo Salvini. 

“Non ne ha i titoli”, dicono i sindacalisti, capeggiati da Costantino Saporito. Ma, sui social, affiliati e simpatizzanti non la pensano allo stesso modo. Per Nicola Volpes allora bisognerebbe denunciare “pure quelli che si mettono le divise a carnevale. Siete proprio ridicoli!”, scrive sulla pagina Facebook dell’Usb vigili del fuoco. “L’Italia è nella merda fino al mento, sull’orlo di una rivolta di persone che non ce la fanno più a vivere…. e si denuncia un ministro perché ha messo una divisa, che oltretutto dovrebbero essere onorati, in quanto gesto di stima. Povera Italia! Non sarà che i sindacati di ogni tipo sono di sinistra?”, chiede Volpes. 

Anche il vigile del fuoco Dario Mattei e’ critico: “contratto, mezzi fatiscenti, caserme senza manutenzione, mancanza di d.p.i… e guardate queste cagate… c’è qualcosa che non funziona”, dice ai colleghi, attirandosi piccate repliche.

Difficile rinvenire voci a favore dell’iniziativa di Saporito. Il dibattito alimenta uno scontro aspro. “C’eri tu sotto palazzo Vidoni accampato nelle tende per tre giorni sotto la pioggia quando si firmava il contratto infame? L’Usb c’era. C’eri tu alla procura a depositare esposti e su esposti sulle caserme fuori norma che cascano a pezzi? Usb c’era! C’eri tu a indagare e a denunciare i dpi fallacei e inidonei alle alte temperature? Usb c’era! Queste cagate su facebook valle a scrivere a qualcun’altro che hai completamente sbagliato interlocutore”, dice un utente che si firma Voeller Zeman Tibbia e che rivendica di essere tra gli organizzatori della sigla. 

Ma come Mattei, altri sollevano dubbi che la contestazione a Salvini possa essere utile alla causa dei vigili del fuoco. Cosi’ Cristiano Danieli: “Un po’ esagerato direi… piuttosto rompiamo le palle per avere più soldi per personale e mezzi…”. Fabio Tosti se la prende con Renzi che “le divise le ha indossate tutte, oltraggiando anche il saluto militare con la mano sinistra…. però nessuno ha detto una virgola! Forse per la mancia degli 80 euro?”

Nella disputa affiora anche il tema della rappresentanza. “Siete sicuri di aver agito a nome di tutti i vostri rappresentati oppure a titolo personale?”, chiede Andrea Bagnolo. Bruno Manicone accusa l’Usb di “fare solo ridere! Ma pensate alle cose serie. E non a rompere le palle al ministro visto che siete i primi a fare i pagliacci in giro con jeans e anti pioggia. Ridicolissimi. Siete la comicità del corpo nazionale. E purtroppo per colpa vostra tutto il corpo fa figure di merda. Ma Andate a cagare! Pagliacci”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»