Autostrade, da settembre in Liguria senza stipendio 180 addetti segnaletica

Sono i lavoratori che, in caso di incidenti stradali o di ripristino conseguente a calamità naturali, si occupano della segnaletica sulle tratte A4, A6, A7, A10, A12, A21, A26
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – Niente stipendio da settembre per 180 lavoratori della cooperativa Sanguglielmo, passati a Secureway, che, in caso di incidenti stradali o di ripristino conseguente a calamità naturali, si occupano della segnaletica sulle tratte A4, A6, A7, A10, A12, A21, A26. Lo denuncia, in una nota, la Uiltrasporti Liguria, che ricorda anche come “a novembre la cooperativa ha trasferito i 180 lavoratori alla Secureway, senza accordo sindacale e disattendendo tutte le richieste avanzate dal sindacato”.

Da quel momento, accusa Giovanni Ciaccio, coordinatore ligure logistica della Uil trasporti, “la situazione già disastrosa è diventata una vera e propria odissea: i lavoratori, ai quali non è stata data nessuna spiegazione, non sono più stati pagati. Inoltre, gli addetti coinvolti non hanno più la possibilità di recarsi ai rispettivi cantieri e tutte le attività rischiano di fermarsi”.

Il sindacato rivendica di aver segnalato a tutti i committenti “la situazione vergognosa: Autostrade per l’Italia, Satap, Pavimental, Itinera da diverso tempo sono a conoscenza delle criticità. Eppure nessuna di queste società si è preoccupata delle retribuzioni dei lavoratori, che non hanno più soldi per mangiare e mantenere le proprie famiglie. Chiediamo un intervento urgente alle istituzioni e di attivarsi per un immediato pagamento in surroga delle retribuzioni ai committenti. La situazione si deve risolvere per tutelare lavoratori e utenza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»