Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Basilicata, incontro con atleti paraolimpici Calcagni e Quarta. Cicala: “Esempi di vita”

Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale della Basilicata incontrando il colonnello Carlo Calcagni e l’ex maresciallo Andrea Quarta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “La vita di Calcagni dimostra a tutti noi che lo sport ricopre un ruolo importantissimo, non solo per creare inclusione sociale ma anche per vincere i propri limiti e scoprire la possibilità di andare oltre e superare le barriere“. È quanto ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Carmine Cicala, incontrando nella sede della presidenza il colonnello Carlo Calcagni e l’ex maresciallo del Reggimento San Marco, Andrea Quarta, entrambi atleti paralimpici.

“La storia di Carlo Calcagni – ha ricordato Cicala – è la sfida dell’incredibile. Nel 1996 prende parte come pilota elicotterista alla missione internazionale di pace nei Balcani e contrae gravi patologie causate dai devastanti effetti delle polveri sottili dell’uranio impoverito. Una tragedia che ogni giorno affronta con una grandissima forza di volontà e che ha saputo trasformare in un messaggio di vita potente e universale”.

Tanti gli elogi e gli encomi ricevuti “per il valore e l’altruismo” e per l’attività sportiva agonistica, “conquistando ben 15 titoli di campione italiano di ciclismo su strada e rappresentando l’esercito nei campionati nazionali interforze, vincendo ogni anno in cui ha partecipato”.

Nel complimentarsi con Calcagni per “il messaggio positivo che trasmette, un esempio di vita a cui ispirarsi”, il presidente dell’assemblea regionale ha ribadito “l’impegno e la sensibilità del Consiglio regionale della Basilicata verso queste tematiche, destinando il 30 per cento dei tagli vitalizi a iniziative sociali e per la giornata della disabilità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»