Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Summit Nairobi: ministri dell’Ambiente firmano intesa contro la plastica negli Oceani

Il documento e' stato sottoscritto al termine di una conferenza del Programma dell'Onu per l'ambiente (Unep)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I ministri dell’Ambiente di decine di Paesi hanno firmato un documento nel quale si certifica l’intenzione di voler fermare l’inquinamento causato negli oceani dai rifiuti di plastica. Il documento e’ stato sottoscritto al termine di una conferenza del Programma dell’Onu per l’ambiente (Unep) che si e’ conclusa oggi a Nairobi, in Kenya. Vidar Helgesen, ministro dell’Ambiente norvegese, si e’ unito agli altri delegati presenti nell’esprimere soddisfazione per l’esito dei lavori: “Siamo venuti qui con l’intenzione di mobilitarci per azzerare l’inquinamento degli oceani; questo e’ solo il primo passo“.

Leggi anche: Canada: trovata aragosta con il logo della Pepsi su una chela

Anche il Wwf ha si e’ detto soddisfatto: “Oggi abbiamo fatto progressi contro l’inquinamento, ma vorremmo che tutti, aziende, governi e ong applicassero rapidamente la risoluzione”. Alcuni scienziati hanno criticato il documento, facendo notare che non sono fissati termini e riduzioni vincolanti per raggiungere l’obiettivo dell’inquinamento zero.

Leggi anche: Greenpeace in Liguria: ‘Basta plastica nel Mediterraneo’

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»