Amazon Go: mai più file, la spesa si paga con il QR code

A Seattle il primo negozio dove si acquista e non si paga
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AmazonROMA – Entrare in un negozio, comprare ciò che si vuole e uscire senza pagare. E’ questa la nuova filosofia di Amazon, che a Seattle ha creato il primo negozio Amazon Go: punto vendita di 170 metri quadri dove si possono acquistare oggetti di vario tipo, anche alimentari.

Amazon Go, per entrare basta un QR code

L’idea che sta alla base del nuovo servizio è semplice: basta scaricare tramite app, un QR code sul proprio cellulare. Una volta dentro il negozio, si potranno riporre nel carrello ed eventualmente riposare, tutti i prodotti di cui si ha bisogno e poi uscire senza passare per le casse.

La tecnologia “Uscite e basta”

Quella messa a punto da Amazon è una tecnologia basata su sensori e intelligenza artificiale, chiamata “Uscite e basta”. Grazie all’apprendimento automatico, il sistema è in grado di capire cosa si porta via dal negozio e addebitarlo direttamente sul conto registrato. Al momento, quello di Seattle è l’unico Amazon Go disponibile ma in futuro, la società di e-commerce punta ad aprirne circa due mila su tutto il territorio statunitense.

Ma se da un lato il progetto, pratico e veloce, può risultare allettante per i clienti, dall’altro, bisogna ammettere che la nuova tecnologia mette ‘i bastoni tra le ruote’ alla categoria dei cassieri, che viene messa da parte.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»